Asm, prosegue la riorganizzazione: Fiumefreddo punta alle emissioni zero

Proseguono a pieno ritmo i lavori di riorganizzazione dell’Asm, l’Azienda servizi municipalizzata di Taormina che attualmente è amministrata dal Commissario liquidatore Antonio Fiumefreddo. Nei giorni scorsi Fiumefreddo ha effettuato infatti a Palazzo dei Giurati un importante incontro con i consiglieri di maggioranza per riferire lo stato della municipalizzata. Diversi i punti toccati durante la lunga riunione, tra i quali la riorganizzazione dell’intera macchina amministrativa, il rilancio delle attività gestite da Asm e il miglioramento dei trasporti pubblici: “Ringrazio il sindaco, Mario Bolognari, il presidente del Consiglio comunale, Lucia Gaberscek, gli assessori e tutti i consiglieri di maggioranza – ha affermato Fiumefreddo al termine dell’incontro – per l’opportunità concessami con il lungo incontro dedicato ad Asm, a dimostrazione ulteriore di quanto gli amministratori abbiano in considerazione la buona sorte della società di servizi. Ho illustrato la ristrutturazione in corso, con la riorganizzazione dell’area amministrativa e con la costituzione di un’area finanziaria e contabile che renderà efficienti e trasparenti i dati societari. Si è anche trattato, molto proficuamente, il tema del rilancio delle attività, per esempio quelle fieristiche, che, gestite da Asm, consentono di incrementare le presenze a Taormina nel periodo che va da novembre a marzo dell’anno quando si registra un naturale calo dei flussi. Si è anche approvata la necessità di rendere i trasporti sempre più efficienti, con l’aumento delle corse, da ora in poi possibile grazie all’arrivo dei nuovi mezzi”.

Il commissario sta anche pensando al futuro della città del Centauro nell’ottica del rispetto assoluto dell’ambiente: “Una decisione importante – ha spiegato Fiumefreddo – su proposta dei consiglieri e dell’amministrazione, ha riguardato il centro storico della città con la determinazione di arrivare a emissioni zero, evitando che mezzi a benzina o diesel intervengano sul centrale corso e mettendo a disposizione mezzi esclusivamente elettrici e aree di stoccaggio per le aziende che riforniscono la città. Quanto ai parcheggi, insieme all’ulteriore automazione dei due autosilos ‘Lumbi’ e ‘Porta Catania’, con l’introduzione imminente del Telepass, si individueranno piccole aree per i residenti, e quindi per agevolare gli stessi, installando i primi parcheggi modulari, in uso in diverse città europee e americane quando diviene necessario, a fronte degli esigui spazi orizzontali, utilizzare le aree verticalmente”.

Sta, infine, andando intanto avanti, secondo un preciso cronoprogramma, la ricognizione dei bilanci degli anni scorsi, e l’adozione delle misure prescritte dai revisori, con i quali la collaborazione è e sempre più sarà preziosa, così da rispettare i termini dati per proporre al Consiglio comunale la restituzione della società al regime ordinario, superandosi definitamente la fase della liquidazione: “Nei prossimi giorni – ha concluso Fiumefreddo – chiederò di potere incontrare i consiglieri dell’opposizione, dai quali singolarmente ho avuto occasione di registrare la ferma volontà di un rapporto costruttivo, essendo l’interesse della società di servizi al di sopra della naturale dialettica tra le forze politiche. Ugualmente, incontrerò la commissione consiliare competente nel quadro di una collaborazione che non può che essere sempre più organica con il Municipio. Se posso formulare un auspicio è che desidero fortemente poter frequentare a brevissimo Taormina semplicemente da innamorato di questa autentica perla, felice di averla servita da ex liquidatore di Asm”.

Condividi




Change privacy settings