Nasce il Coordinamento presidenti commissioni Affari istituzionali del Sud: vicepresidente il siciliano Pellegrino

redstage

Nasce il Coordinamento presidenti commissioni Affari istituzionali del Sud: vicepresidente il siciliano Pellegrino

giovedì 17 Giugno 2021 - 08:00

Si è svolta ieri, presso la sede del Consiglio Regionale della Campania, la prima riunione operativa del Coordinamento dei presidenti delle prime commissioni del Mezzogiorno composto dalle Regioni: Sicilia (Stefano Pellegrino), Campania (Giuseppe Sommese), Abruzzo (Fabrizio Montepara), Basilicata (Pasquale Cariello), Calabria (Pietro Raso), Molise (Andrea Di Lucente), Puglia (Antonio Tutolo).

Il coordinamento nasce con l’obiettivo di costruire una forte sinergia tra i Presidenti delle Commissioni Affari Istituzionali del Mezzogiorno, una battaglia di dignità già avviata dai governatori del Sud per una legislazione condivisa e coesa per aree omogenee, alla luce soprattutto del nuovo Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR).

“Sono soddisfatto per la fiducia accordatami con la nomina a Vicepresidente del Coordinamento – commenta l’onorevole Stefano Pellegrino. Il piano di ripartenza costituisce la sfida decisiva per il rilancio delle Regioni, dopo la terribile pandemia che ha colpito l’economia italiana, ancor di più rispetto agli altri Paesi europei. Ho condiviso l’iniziativa, per la quale ringrazio il Presidente del Coordinamento Giuseppe Sommese. Ritengo che in questa fase così delicata e cruciale per il nostro Paese e la nostra Regione, sia fondamentale un lavoro di squadra, per cercare di ridurre il più possibile il divario tra Nord e Sud”.

“Durante la prima riunione – conclude il Deputato marsalese – abbiamo avviato un primo focus su quelle che sono le problematiche che più gravano sui nostri territori. Basti pensare alle infrastrutture e ai trasporti: è un dato di fatto che la Lombardia ha più treni regionali rispetto a tutto il Sud Italia. A partire da qui può nascere una fase decisiva per il futuro e per le nuove generazioni”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta