Botte alla moglie: 74enne in manette

redstage

Botte alla moglie: 74enne in manette

venerdì 04 Giugno 2021 - 10:03

Nella notte di ieri i Carabinieri della Stazione di Caronia, unitamente a quelli della Stazione di Acquedolci, hanno arrestato il 74enne S.G, residente a Caronia, per i reati di “maltrattamenti contro familiari conviventi” e “lesioni personali”.

I militari sono intervenuti a Caronia a seguito di una segnalazione pervenuta al 112, che riferiva di una lite in famiglia in atto. I militari, giunti sul posto, hanno trovato una donna che, visibilmente scossa, raccontava di essere stata aggredita dal marito 74enne che, a quel punto, veniva accompagnato presso la locale Stazione Carabinieri per i necessari approfondimenti.

Gli accertamenti svolti dai Carabinieri e la denuncia sporta dalla vittima hanno permesso di ricostruire che l’uomo aveva compiuto, in diversi tempi, più azioni delittuose, attuando comportamenti minacciosi e vessatori nei confronti della moglie, tali da ingenerare nella stessa forte timore per la propria incolumità. La vittima, visitata presso il pronto soccorso dell’ospedale di Sant’Agata di Militello, riportava un trauma cranico, varie contusioni ed un forte stato di agitazione.

L’attività investigativa è stata realizzata con la collaborazione della “task force” specializzata, costituita dal Comando Provinciale di Messina per il contrasto alle violenze di genere, e sotto la guida del P.M. di Turno (dott. Alessandro Lia) della Procura della Repubblica di Patti (ME).

L’uomo è stato pertanto arrestato per “maltrattamenti contro familiari conviventi” e “lesioni personali” e, ultimate le formalità di rito, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria è stato ristretto agli arresti domiciliari in Caronia presso un’altra abitazione di sua proprietà, in attesa dell’udienza di convalida presso il Tribunale di Patti.

Anche in questa circostanza, la pronta risposta delle forze dell’ordine in piena sinergia con l’Autorità Giudiziaria, sempre molto sensibile a tali problematiche, ha scongiurato il protrarsi e l’aggravarsi dei fatti.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Commenta