Nuovo dpcm, “Caro Conte siamo stanchi, ridateci la nostra vita”

La nuova stretta sulle libertà personali dovuta al nuovo dpcm sta generando e genererà, come prevedibile, dei malumori tra la popolazione. Riportiamo qui di seguito una lettera-sfogo di una nostra lettrice indirizzata al premier Giuseppe Conte, nella quale contesta di sentirsi abbandonata dallo Stato e chiede di riavere indietro la vita di un tempo.

“Caro presidente, Le scrivo perch√® mi sento abbandonata da quello che √® lo Stato, da chi ci dovrebbe tutelare.

“Mi sento abbandonata perch√© io sono prima di tutto Italiana e quindi oggi sono una delle proprietarie di un’attivit√† che a causa di queste normative probabilmente chiuder√† la saracinesca per sempre perch√© non si riescono pi√Ļ a gestire i costi in uscita dal momento che il lavoro √® calato drasticamente.

“Oggi sono una di quei dipendenti che viene mandata a casa perch√© diventa difficile pagare uno stipendio in questo momento. Oggi sono una mamma e un pap√† che non riesce a sfamare i propri figli e non viene aiutato dallo Stato. Oggi sono una di quelle in cassa integrazione che spesso bisognava aspettare 2 o 3 mesi prima di percepirla. Allora io Le chiedo se √® davvero giusto tutto questo. Ma la risposta credo possa essere soltanto no.

“Questo “virus” ci sta uccidendo e non a livello fisico. Questo “virus” ci sta uccidendo dentro. Sta uccidendo le nostre vite. Sta intaccando il nostro lavoro, le nostre famiglie e la nostra libert√†. E non abbiamo nessuno che riesca a curarci e a prendersi cura di noi. Al contrario stiamo cadendo gi√Ļ, in picchiata fino a schiantarci. E mentre voi studiate per cosa sia giusto fare, noi dobbiamo lottare per ottenere una visita perch√© ad oggi √® pi√Ļ importante il virus che poter prevenire una malattia che possa essere grave o meno.

“Noi qui siamo stanchi di lottare. State spegnendo i nostri sogni, le nostre speranze. State spegnendo il nostro futuro. Questa √® una guerra invisibile e solo chi √® il pi√Ļ intelligente, non il pi√Ļ forte, vincer√†.

“Ma poi questo virus √® cos√¨ burlone? Non esistono fasce orarie in cui ci si pu√≤ infettare di pi√Ļ. Non esistono vie e piazze principali dove si rischia di pi√Ļ rispetto ad un’altra. Non √® il caff√® preso, alzati, al bar fino alle 18.00, piuttosto che il cocktail preso dopo la mezzanotte a determinare un contagio. Non √® la palestra o la piscina.

“Tutto questo sta alla coscienza e al senso civico di ognuno di noi. Ma non sono queste strette che porteranno a un risultato, bens√¨ solo ad un ulteriore fallimento di un paese intero. Come sempre, nella storia, saremo noi cittadini a pagarne le conseguenze. Come sempre siamo noi le vittime indiscusse. Ridateci tutto quello che ci appartiene, ridateci la spensieratezza. Ma sopratutto, ridateci la nostra vita”.

Maria Gualniera

Condividi




Change privacy settings