Porto: lavori con cemento depotenziato, tutti assolti

Il Tribunale di Messina ha assolto, perche’ il fatto non sussiste, tutti gli imputati del processo per truffa, frode in pubbliche forniture e falsita’ ideologica sulla realizzazione con cemento depotenziato delle banchine Vespri e Colapesce del porto della Citta’ dello Stretto. I giudici hanno assolto i rappresentanti della societa’ Tecnis Spa (Danilo La Piana, Daniele Naty, Concetto Bosco Lo Giudice e Francesco Domenico Costanzo), i rappresentanti legali delle aziende fornitrici di calcestruzzo, Antonio Giannetto e Vincenzo Silvestro, il rappresentante della societa’ incaricata dell’esecuzione dei lavori di realizzazione dei pali di fondazione delle banchine, Carmelinda Antonella Fangano, il presidente della commissione di collaudo, Rosario D’Andrea, l’ex funzionario dell’ufficio tecnico e opere marittime per laSICILIA e direttore dei lavori, Fabio Arena, e l’ex ispettore di cantiere per conto dell’ufficio opere marittime di Messina, Francesco Bosurgi. Assolta anche la societa’ Tecnis spa. Secondo l’accusa, per i lavori di realizzazione dei pali di fondazione era stato adoperato un calcestruzzo depotenziato.

Condividi




Change privacy settings