Laimo: “La chiusura dello svincolo di Giostra peggiorerĂ  la situazione”

Anche Franco Laimo si aggiunge alla lista dei consiglieri della V Circoscrizione che bocciano sonoramente la decisione di chiudere, in via sperimentale per due settimane, il viadotto Giostra sia in uscita con riferimento ai mezzi provenienti da Catania sia in ingresso con riferimento ai mezzi provenienti dalla città e diretti verso Palermo. Secondo diversi consiglieri circoscrizionali, tale decisione, che è stata presa ieri dal Comitato operativo per la viabilità per porre fine al problema delle stremanti code che si vengono a creare, specie nelle ore di punta, nel tratto autostradale compreso tra Villafranca e Giostra, non farà altro che peggiorare la situazione, specie nella zona nord della città.

“Questa scelta peggiorerĂ  ancor di piĂą il caos veicolare. – spiega Laimo – Non bisogna andar lontano per ricordare le lunghe code venutesi a formare ogni qualvolta la galleria San Jachiddu che collega l’area nord della cittĂ  allo svincolo autostradale di Giostra, rimaneva chiusa per lavori di manutenzione; proviamo a immaginare il carico veicolare che si creerebbe lungo la circonvallazione, il Viale della LibertĂ , la stessa Via Garibaldi per giungere fino al Viale Boccetta per raggiungere il centro stesso della cittĂ . La chiusura dello svincolo in tutte le sue direzioni non finirĂ  per risolvere le lunghe code sulla tangenziale, che continueranno a formarsi.

“In questo momento non ci sono certo soluzioni facili, commenta ancora il Consigliere Laimo: le rampe di collegamento diretto tra lo svincolo di Giostra e la galleria San Jachiddu con l’Annunziata, attendono ancora lavori e perizie riguardanti anche la sicurezza pubblica, ed inoltre non pochi dubbi si sono sollevati sulle loro aperture; bisognerebbe dunque lavorare giorno e notte H24, conclude Laimo, al fine di velocizzare i tempi per la conclusione stessa dei lavori che riguardano i viadotti”.

Condividi




Change privacy settings