Coronavirus, alla Procura arriva lo smart working

Lo smart-working arriva anche alle Procure di Palermo e MESSINA dove i capi dei pm Francesco Lo Voi e Maurizio de Lucia hanno dato indicazioni ai sostituti di optare per il lavoro da casa. Tranne i magistrati che a rotazione risultano in turno, i pubblici ministeri dunque non sono presenti al Palazzo di Giustizia. A Palermo, poi, alcuni pm, che nei giorni scorsi hanno fatto viaggi nei Paesi a rischio o in localita’ italiane dove piu’ alti sono stati i numeri di contagiati, sono in autoisolamento.

Condividi




Change privacy settings