Cup fuori servizio, associazioni consumatori: “Situazione non piĂą tollerabile”

“I pesanti disservizi del Centro unico prenotazioni dell’Asp di Messina sembrano non interessare i vertici dell’Azienda, i quali non sanno far altro che allargare le braccia di fronte a una situazione che diventa sempre più intollerabile e che penalizza fortemente gli utenti del servizio sanitario”. Lo dichiarano Fulvio Capria della Confconsumatori Messina e Linda Paparone della Konsumer Messina, puntando il dito contro il management dell’Asp di Messina per non aver ancora risolto i disservizi registratisi nel relativo Centro unico prenotazioni (Cup), il numero verde messo a disposizione degli utenti per prenotare una visita ambulatoriale. Infatti, nei giorni scorsi il Cup ha smesso di funzionare e ancora non è stato fatto niente per risolvere tale problema.

“Dietro le inutili, interminabili e logoranti ore di attesa al numero verde del servizio – proseguono i rappresentanti delle due associazioni di consumatori – ci sono spesso condizioni di malattia e sofferenza che non possono attendere i tempi di una inestricabile burocrazia o, ancor meno, le incomprensibili omissioni di chi avrebbe il compito di intervenir. Dimentichi forse dei propri obblighi istituzionali, i responsabili dell’Asp infatti nulla hanno finora messo in atto per trovare soluzioni a una disfunzione che si trascina ormai da tempo immemorabile e che non ammette alcuna giustificazione, nĂ© di carattere meramente tecnico nĂ© amministrativo”.

Capria e Paparone lasciano intendere che segnaleranno quanto accaduto alla magistratura, al fine di accertare chi siano i responsabili dietro a tale vicenda: “Riteniamo pertanto – concludono Capria e Paparone – che sia ormai compito della magistratura verificare se sussistano colpevoli inadempimenti e responsabilitĂ  per l’inefficienza conclamata di un servizio pubblico e di chi è chiamato a gestirlo”.

Condividi




Change privacy settings