Meteo, stabilità e caldo in lieve aumento da mercoledì

Finora la fortuna ci ha decisamente arriso. Non solo abbiamo evitato una ondata di calore davvero micidiale, che come ampiamente vaticinato, ha mietuto diverse vittime, sbriciolando record ed entrando negli annali della meteorologia.
Non solo l’abbiamo scampata bella e ci è andata di lusso rispetto ai malcapitati francesi, ma possiamo constatare una sorprendente requie dei nostri verdeggianti Peloritani, che fortunatamente non sono stati divampati da deplorevoli intenti piromani.
La nostra natura è un patrimonio da salvaguardare, che nessuno deve disastrare mediante l’attuazione di atti criminali.
Tornando alla meteorologia, dopo una lieve deconcentrazione, l’anticiclone subtropicale estenderĂ  il suo protettivo baluardo anche sulle estreme regioni meridionali, bandendo la goccia fredda sull’Isola di Creta. Da lunedi, l’intera ossatura strutturale riceverĂ  un ulteriore prestanza di gpt ( 592 dam), con una ragguardevole avvezione di spessore tipicamente estiva che inibirĂ  completamente anche la benchè minima attivitĂ  termo-convettiva.
Con questo quadro pro estate, possiamo riqualificare una preminente stabilitĂ  di marca estiva, entrando in astinenza termo-convettiva.
Il cielo si mostrerà terso o al più parzialmente nuvoloso soltanto sul far della sera, con qualche sterile cumulo orografico o marittimo, senza la benchè minima iniziativa convettiva.
I venti spireranno debolmente a regime di zefiro da grecale (NE) sul versante tirrenico, con un docile vento cavaliere reperibile soltanto su parte della riviera strettese ( centro-nord).
Già da domenica infatti, è verosimile che da Tremestieri verso sud si faccia largo una blanda ventilazione meridionale, con predominante componente (SE) domenica e un falso ostro (S) lunedi derivante da una moderata levantata al largo dello Ionio.
Pertanto, il vento cavaliere non tradirĂ  il lembo settentrionale strettese, stemperando nettamente la calura nelle ore centrali, mentre sulla riviera sud opereranno aliti meridionali (SE e/o UN farlocco ostro lunedi).
Tutti i nostri bacini saranno perfettamente balneabili, con qualche momentanea increspatura soltanto sullo Stretto settentrionale. Sul Messinese ionico medio-basso potrebbero visibili increspature, con qualche risacca da mare morto da Capo Alì ( 30-40 cm).
La temperatura, stazionaria domenica ( +18 a 850 hpa), tenderĂ  a risalire gradualmente ma MISURATAMENTE da martedi, con la colonnina di mercurio che potrĂ  ascendere sui 30-31° all’ombra anche sulle coste. Non disprezzabile l’escursione termica, con scarto di ben 8° fra giorno e notte, anche se le minime costiere non discenderanno sotto i 23-24°.
Il tasso dell’Ur permarrĂ  su valori mediatamente elevati ( ma vivibili), compresi fra il 60 e i 75-80% della notte. Sonni notturni tutto sommato di buona qualitĂ . Poteva andarci peggio, molto peggio.
Le tendenze del tempo a medio termine prefigurano la formazione di una debole circolazione depressionaria chiusa, che dovrebbe attecchire al largo delle coste portoghesi. Suddetta allocazione dovrebbe mantenere il tentacolo algerino fra Spagna e Baleari, mentre la Sicilia sarebbe interessata da una innocua +20 a 850 hpa.
Si ipotizza una prima decade stabile, siccitosa e senza alcuna seria ondata di calore, con 34-35° nelle aree interne e locali punte prossime ai 30-32° all’ombra lungo le coste. Estate strettese di buona qualitĂ  e senza alcuna persecuzione subtropicale. Un grazie di cuore e arrivederci.

Alessio Campobello

Condividi




Change privacy settings