Festa S. Antonio senza “calia”, ordinata chiusura bancarelle

Niente “calia” alla notte bianca per la festa di Sant’Antonio. Le bancarelle sono state costrette a chiudere dopo un blitz dei vigili urbani.

Il motivo della chiusura forzata è stato determinato dal divieto si utilizzo di bombole a gas per la tostatura della “calia”.

Per questa ragione, i titolari delle bancarelle hanno deciso di mettere in atto un’autentica serrata.

Lo stesso potrebbe verificarsi in occasione della processione in programma domani.

La decisione di impedire l’uso di bombole è scaturiti dalla disgrazia verificatasi nei giorni scorsi al mercato di Gela, dove si è verificata l’espolosione di una bombola che ha causato un morto e diversi feriti.

Condividi