A 40 anni il portiere messinese Di Pietro torna a Linguaglossa

redsport

A 40 anni il portiere messinese Di Pietro torna a Linguaglossa

sabato 08 Giugno 2019 - 15:53
A 40 anni il portiere messinese Di Pietro torna a Linguaglossa

A 40 anni appena festeggiati giovedì scorso Paolo Di Pietro si prepara a una nuova avventura fuori Messina, e in particolare nella provincia etnea. A 3 anni di distanza dalla precedente avventura a Linguaglossa (la società calcistica di allora era la Fantasy Sport), nella quale aveva perso la finale play-off, il portiere messinese è stato nuovamente chiamato nel centro etneo adesso rappresentato in Seconda Categoria dall’ASD Civitas che già sta componendo l’organico in vista della stagione 2019/20.
Di Pietro ha accettato l’offerta, al termine dell’esaltante stagione con la Robur Letojanni nelle cui file ha vinto il campionato di Prima Categoria: “La scelta di lasciare è stata dura – spiega l’estremo difensore classe ’79 – perché il presidente Carmelino Laganà è una grande persona, mentre con il mister si è instaurato un rapporto più di amicizia che tra allenatore giocatore. Ci tengo a ringraziare tutti i componenti della Robur, per la vicinanza e l’affetto in un momento difficile della mia vita, quando ho perso mio padre. A volte, però, nel calcio si intrecciano situazioni che non puoi prevedere in anticipo“.
Assieme a Di Pietro, hanno lasciato Letojanni con destinazione Linguaglossa anche i compagni Alessandro Monforte e Marco Calì: “Loro mi hanno preceduto nella scelta di dieci giorni. A volermi è stato Giuseppe Lo Giudice, già mio dirigente nei 3 anni della Fantasy Sport. Ci sono programmi ambiziosi che prevedono l’intenzione di lottare al vertice della Seconda Categoria“.
Per il resto a 40 anni il portiere peloritano riesce ancora a divertirsi e a mantenersi competitivo: “Il segreto? Cerco di allenarmi costantemente anche dopo la chiusura della stagione. Per quanto tempo penso ancora di giocare? Credo che quella di Linguaglossa sarà la mia ultima stagione di calciatore. Non ho ancora pensato a cosa fare una volta che avrò appeso le scarpe al chiodo? Una carriera da mister? Al momento non ci penso,preferisco fare le veci del mister dentro il campo“.
Di certo non gli manca affatto, calcisticamente parlando, il giocare a -Messina- dov’è stato protagonista per lunghi anni e in svariate formazioni – visto che dalla scorsa estate la città peloritana offre ormai ben poco dall’Eccellenza in giù.

Nell’immagine, Paolo Di Pietro è il primo da sinistra (Foto ASD Civitas Linguaglossa)