Il ministro dell’Ambiente Costa martedì a Milazzo

Tappa a Milazzo, in provincia di Messina, martedì prossimo per il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa. Un luogo scelto, spiegano i pentastellati, perchĂ© “simbolo di numerose criticitĂ  ma anche di diverse azioni politiche promosse in campo ambientale dai portavoce regionali e nazionali del movimento e seguite dal ministero dell’Ambiente”. In particolare, a Milazzo il ministero ha ripreso l’iter dell’Area marina protetta ‘Capo Milazzo’, con l’emanazione dei decreti attuativi e del regolamento che segnerĂ  la concreta istituzione del sito naturalistico.

“Nel comprensorio milazzese, grazie anche alle battaglie del sottosegretario Alessio Villarosa – ricordano dal M5s -, è stato definitivamente bloccato il progetto dell’inceneritore della Valle del Mela”. Ancora, il ministero dell’Ambiente si è costituito parte civile in uno dei procedimenti che vede la Raffineria di Milazzo davanti ai giudici per reati ambientali. E proprio di questi temi si discuterĂ  durante l’incontro in programma alle 15 nel Castello di Milazzo alla presenza del ministro Costa. Inoltre, saranno presentati il disegno di legge ‘SalvaMare’, approvato dal Consiglio dei ministri, che consente ai pescatori di raccogliere la plastica in mare per conferirla nei porti, e la campagna nazionale e regionale ‘plastic-free’ per ridurre l’uso della plastica nei luoghi pubblici.

“A Milazzo – ricorda la senatrice M5S Barbara Floridia – i cittadini hanno sofferto per decenni l’incuria e l’abbandono istituzionale e hanno assistito a gravi scempi ambientali. L’inquinamento industriale, il tentativo di piazzare qui un inceneritore per i rifiuti, l’Area marina rimasta ferma al palo. Siamo intervenuti con decisione e il ministro Costa sarĂ  qui per testimoniare la presenza dello Stato e l’inizio di un riscatto ambientale e sociale per questo territorio”.

Condividi