Sammarco (Uilca Sicilia): “Recessione, Sicilia senza bancari e banche”

“E’ stato pubblicato  dalla Banca d’Italia il bollettino nazionale che fotografa lo stato di salute delle banche e dei bancari “. Lo ha comunicato Gino Sammarco, dirigente della Uilca Sicilia che  esaminando i dati dell’Italia ha aggiunto :

“I morsi della recessione si fanno sentire, in Italia nel 2017 esistevano  27.374 sportelli bancari, a fine 2018 erano 25.404, ben 1.970 in meno. I lavoratori bancari , che a fine 2017 erano 286.222, a fine 2018 raggiungevano i 278.204, con una flessione di 8.018 unitĂ , frutto di licenziamenti, pensionamenti anticipati ed esodi per così dire “volontari.”

In Sicilia a fine 2018 resistevano 1273 sportelli bancari ben 143 in meno del 2017 quando erano 1.416. Si contano anche 700 lavoratori in meno in un anno poiché si è  passati dai 10.971 del 2017 ai 10271 di fine 2018.

In particolare a Palermo i bancari sono passati dai 3.218 del 2018 ai 2.840 del 2017, a Catania erano nel 2017 2.265 e nel 2018 soltanto 2.181, a Messina una flessione di 76 unitĂ , a Trapani meno 77, ad Agrigento meno 29, a Caltanissetta meno 30, a Enna meno 15, a Ragusa meno 30 ed a Siracusa meno 40,soltanto in un anno senza confrontare questi numeri con quelli di 10 o anche 5 anni fa.”

Queste cifre in continua flessione dimostrano che l’investimento nel digitale  ha dato benefici ai bilanci delle banche, ma ha tagliato drasticamente  posti di lavoro e sportelli con conseguenze rilevanti sia per le famiglie sia per la piccola e media impresa.

Circa 100 sono i comuni che negli ultimi anni sono rimasti senza uno sportello bancario. Questa assenza delle banche  ha portato ad una desertificazione del credito in Sicilia costringendo la clientela a maggiori costi e sacrifici quando non a rivolgersi ad “occasionali”  finanziarie.

La politica del credito in Sicilia -conclude Sammarco . è stata sempre decisa al nord, ma i licenziamenti e le mancate assunzioni restano sulle spalle dei lavoratori  e delle famiglie siciliane”.  

Condividi