Storia da libro Cuore: migrante dorme in strada per stare vicino ai figli

Da due notti dorme per strada all’addiaccio, davanti al cancello d’ingresso di una casa-famiglia dove si trovano i suoi figli. Siamo a Faro Superiore, proprio in corrispondenza di casa “Arzilla”, una struttura autorizzata che accoglie minori stranieri.

Sulla vicenda trapela poco o nulla dal momento che ci sono di mezzo minori e per di piĂą migranti giunti a Messina dopo un viaggio in mare molto travagliato.

La presenza della donna africana (si sconosce la nazionalità), ha suscitato la compassione delle famiglie residenti a Faro Superiore che hanno iniziato un’autentica gara di solidarietà per dare assistenza alla donna. Ieri notte qualcuno le fornito generi di conforto e coperte per affrontare la notte.

La migrante non parla l’italiano e fatica a farsi comprendere dai cittadini che cercano di darle sostegno. A quanto pare – è quello che riferiscono i residenti – le autorità hanno sottratto i figli alla donna e per il momento risiedono presso la casa di accoglienza. La donna teme di perdere i figli e per questo motivo staziona da due giorni proprio al cancello d’ingresso. Pare che i bimbi siano in tenera età.

E’ una vicenda tristissima che merita l’attenzione da parte dei Servizi sociali, dal momento che è impensabile che la donna possa trascorrere altre notti su un giaciglio per strada.

“Abbiamo tentato di dare ospitalitĂ  alla donna – hanno detto alcuni residenti della zona -, ma lei si rifiuta, vuole rimanere lì dov’è di fronte al cancello, sperando di vedere i figli”.

Condividi