Il Ciss Messina domani ricorda Sturzo a Cristo Re

Convegno su: “Gli ideali sturziani di Giustizia e Libertà, a cento anni dall’Appello ai Liberi e Forti” che il C.I.S.S. – Centro Internazionale Studi Sturzo – Messina, ha organizzato e che si svolgerà domenica prossima 3 marzo alle ore 9,30 a Cristo Re.
L’incontro, nello specifico, oltre che costituire un’occasione di celebrazione storica vuole essere un momento di riflessione sui valori che hanno caratterizzato l’impegno di Don Sturzo in un tempo doloroso e complesso in cui povertà e disagi, tutti, erano presenti; si era alla fine della I^ guerra mondiale e alla vigilia dei più violenti e disastrosi totalitarismi.
Eppure da quel difficile contesto, da don Sturzo è spirato quel “soffio” di speranza e voglia di “essere civile” che partendo dalla Sicilia ha animato la storia nazionale determinando ‘il verso’ del quale a distanza di cento anni si parla con ammirazione e rispetto.
Molti cambiamenti in positivo nel frattempo sono avvenuti (e questo è indubbio); ma tanti altri sono emersi, nuovi e complicati, apparentemente inestricabili, che trovano anche nella perdita di senso, di responsabilità sociale e sensibilità individuale, la loro causa. Che fare? Rassegnarsi o cercare di ricostituirsi una essenziale armatura di principi e valori etici e morali? Si può ritenere che gli ideali sturziani di Giustizia e Libertà, i suoi messaggi di proposta e di speranza possono valere ancora oggi? Possiamo non ancorare ad essi il nostro impegno per pensare ancora possibile costruire una nuova e migliore società? Si può più continuare a non pensare alla obbligatorietà individuale dell’azione civica?
Queste le domande che naturalmente ci si pone di fronte alla esperienza di Don Sturzo, di un siciliano guidato da una mansueta ostinazione all’obbedienza, prima di tutto, alla coscienza, che ha dimostrato che la provenienza da un territorio povero non è causa giustificante l’astensionismo civile.
Con Don Sturzo abbiamo avuto il riscontro che la storia ci ha consegnato un uomo di specialissimo pregio che è riuscito a illuminare le cose, le coscienze e le storie a cui si è affacciato.
L’incontro di domenica 3 marzo vuole riconoscere a Don Sturzo questo suo merito e spereremmo che ci consenta di coglierne qualche frutto: convincerci che “…… il dovere dice speranza”.

Condividi