Baby prostitute, lascia il carcere Giovanni Buscemi

Dal carcere ai domiciliari: torna a casa Giovanni Buscemi, l’ex vigile del fuoco implicato in un’inchiesta condotta dalla Procura di Messina su un presunto giro di prostituzione minorile.

L’uomo, unico italiano ad essere coinvolto nelle indagini, lascia il carcere di Gazzi dove era stato condotto perchĂ© accusato di fare parte di un’organizzazione criminale dedita allo sfruttamento della prostituzione di giovani immigrate africane.

Buscemi, sentito dai magistrati, ha respinto tutte le accuse e per motivi di salute ha ottenuto il beneficio degli arresti domiciliari. Giovanni Buscemi è assistito dall’avvocato Gino Cangemi, il quale ha presentato istanza di scarcerazione per il suo assistito ottenendo gli arresti domiciliari.

Condividi




Change privacy settings