Rifiuti: a rischio raccolta a Giardini Naxos

Le Federazioni sindacali FP Cgil – Fit Cisl UILtrasporti e Fiadel di Messina lanciano l’allarme per  la grave situazione che si è determinata nel comune di Giardini Naxos a seguito dell’ordinanza sindacale n° 47 che ha visto affidare  dal 1° Agosto 2018 il servizio di raccolta rifiuti cittadina alla ditta Progitec srl, in presenza comunque  del servizio giĂ  in affidamento all’ATO ME 4 di cui lo stesso comune di Giardini Naxos è socio.  

Le procedure poste in essere hanno determinato difficolta nel transito dei lavoratori Ato Me 4 alla nuovo gestore, un  cortocircuito di responsabilità che  alla data odierna vede come risultato  due aziende che espletano lo stesso servizio mettendo in confusione e determinando forti tensioni sociali  tra i 29 lavoratori dell’ATO ME 4 li impegnati e che temono per il loro futuro occupazionale e salariale. 

Dopo svariate riunioni con i soggetti interessati, Il comune, l’ATO ME 4 il Commissario Straordinario, la S.R.R. Messina Città Metropolitana, la Progitec srl e le OO.SS. senza  una soluzione condivisa e soprattutto rispettosa della normativa prevista dalla Legge Reg. n° 9/2010 che tutela i 29 lavoratori già in dotazione organica alla S.R.R. è stato tentato l’avvio unilaterale del transito dei lavoratori da parte della Progitec srl senza accordo sindacale e secondo modalità che,  a parere delle  Organizzazioni sindacali, non rispettano i dettami della Legge Reg. 9/2010 e mettono in discussione i diritti dei lavoratori interessati creando cosi disparità di trattamento tra quanti invece già transitati regolarmente dall’ATO ME 4 ad altre aziende in altri comuni.

Tale grave situazione, continuano le OO.SS., rischia di implodere e mettere seriamente a rischio il servizio di igiene ambientale in tutti i comuni dell’ATO ME 4, stante la non celata volontà manifestata dal Comune di Giardini di non pagare più i servizi correnti e neanche quelli passati alla società d’ambito, eventualità che metterebbe  a repentaglio, persino il pagamento degli stipendi alle maestranze e saldare i fornitori .

Per questi motivi, concludono  le OO.SS è stato chiesto a S.E. il Prefetto di Messina un autorevole intervento a seguito del quale è stata subito incaricata la Direzione Territoriale del lavoro di Messina di convocare  i soggetti interessati . Auspichiamo che in tale sede si possa addivenire ad un accordo condiviso e scongiurare situazioni che potrebbero provocare irresponsabili ed irrimediabili danni ai lavoratori ed ai cittadini. 

Condividi




Change privacy settings