Consorzio Autostrade siciliane: certificate carenze per 211 esattori nella pianta organica

Finalmente si apre uno spiraglio positivo per gli annosi e cronici problemi occupazionali al Consorzio autostrade siciliane. La questione è stata al centro della riunione che si è svolta a Palermo, indetta dall’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone su input delle organizzazioni sindacali Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti, Sla Cisal, e Lata, firmatarie del Contratto di lavoro dei dipendenti del Cas.

Sul tavolo le problematiche sul Contratto collettivo di lavoro del personale, le ormai fin troppo note carenze d’organico, e le innumerevoli criticità nell’organizzazione del lavoro che si continuano a ripercuotere solo sui dipendenti.

All’incontro hanno partecipato il Dirigente generale del Dipartimento regionale Infrastrutture Fulvio Bellomo, il consigliere Cas Maurizio Siragusa, il Direttore Generale del Cas Leonardo Santoro, i funzionari dell’Assessorato Infrastrutture ed il dirigente Ugo Calleri del Dipartimento regionale Funzione Pubblica.

Dalla riunione è emersa la volontà di affrontare e trovare soluzioni ai problemi che si trascinano da troppi anni. Dalle dichiarazioni dell’assessore Falcone e del consigliere del Cas Siragusa è emerso il proposito della Regione di definire un Contratto di lavoro per i dipendenti delle autostrade siciliane, rimuovendo le irrazionali disposizioni riscontrate nel passato che hanno causato forti criticità ai dipendenti.

E’ stata fissata una prima road-map per incardinare giuridicamente il percorso e definire uno specifico testo quale proposta da trasmettere al presidente della Regione ed alla Giunta regionale di cui si farà carico l’assessore alle Infrastrutture.

Le organizzazioni sindacali ribadiscono, nel manifestare l’apprezzamento del percorso di relazioni sindacali intrapreso in queste settimane con il nuovo assessore, la necessitĂ  di affrontare con la nuova governance le criticitĂ  del Consorzio lasciate in sospeso per anni, a cominciare dalla natura giuridica dell’Ente, la capacitĂ  progettuale e di determinazione della piante organiche necessarie, i percorsi di valorizzazione delle capacitĂ  professionali esistenti.

Tra l’altro è proprio di questi giorni la conferma arrivata direttamente dal Direttore Generale Leonardo Santoro della grave carenza di personale di esazione ai caselli. In una relazione inviata alla Presidente del Consiglio direttivo Alessia Trombino e anche all’assessore regionale, Santoro ha messo nero su bianco le criticità riscontrate e le proposte da attuare immediatamente per far fronte soprattutto alla gestione del personale e alle carenze di organico che si traducono per esempio in un “grave e diffuso arretrato di ferie pregresse” e in un “necessario ricorso al lavoro straordinario”. I numeri parlano chiaro: in questo momento al Cas sono 206 gli esattori in esercizio, tra full time e part time, a fronte di una pianta organica che invece prevede 417 dipendenti. Dunque mancano all’appello 211 esattori. Una cifra impressionante che impone azioni immediate.

Lo stesso Direttore generale Santoro ha indicato l’ipotesi di procedere ad un reclutamento immediato in virtù di diverse graduatorie cristallizzate nel tempo e procedure concorsuali ancora in corso. Allo stesso modo suggerisce anche il passaggio degli attuali esattori part time in full time con costi limitatissimi per l’Ente. Ma è la Regione a dover rispondere visto che ad oggi tali possibilità sono impedite dal blocco delle assunzioni imposto da circa dieci anni. Santoro scrive anche che in vista della prossima stagione estiva bisogna procedere a reclutamenti stagionali tramite agenzie interinali.

Una netta presa di posizione che è stata condivisa anche dal Consiglio direttivo del Cas che dunque passa la palla alla Regione che a questo punto deve mettere in atto tutti gli interventi legislativi necessari a svincolare l’Ente dal blocco delle assunzioni.

“Nonostante le strumentali quanto inutili posizioni assunte da parte del sindacalismo autonomo che abbaia alla luna, appare chiaro che in questi anni il servizio si è potuto svolgere solo e unicamente grazie allo spirito di abnegazione del personale esattore in forza, con evidenti difficoltĂ  e una discutibile gestione dell’ufficio personale.

E’ necessario – continuano i sindacati – recuperare il tempo perduto, procedere alle assunzioni con l’avvio delle selezioni da agenzia interinale, porre fine al lavoro part time, far fronte alle ferie estive evitando un pericoloso ma inevitabile blocco del servizio, ma al tempo stesso programmare tutti gli interventi necessari, compresa la riassunzione dei 24 esattori licenziati ormai da 10 anni, per uscire dall’eterna emergenza in cui si opera da anni e che ha causato gravi problemi ai lavoratori e alla gestione del Consorzio”.

Condividi




Change privacy settings