Fratelli d’Italia, Amata unica incaricata a dialogare con gli alleati. Pronte le liste di “protesta”

E’ bufera in Fratelli d’Italia. Il cooordinatore regionale Manlio Messina ha dato mandato ad Elvira Amata di trattare e dialogare con gli alleati in vista della scelta del primo cittadino: “Convergere su un nome che rappresenti al meglio la proposta che stiamo costruendo è cosa essenziale. Ciò richiede una seria e puntuale valutazione circa i profili che si vogliono proporre agli elettori; impone di analizzare bene la situazione e dialogare nella maniera più chiara e completa con le anime della coalizione certo, ma anche e, consentitemi di dire prima di tutto, con il territorio e i suoi rappresentanti. Fratelli d’Italia lo sta già facendo: l’Onorevole Elvira Amata sta infatti portando avanti un confronto costante, ormai da settimane, in nome e per conto del partito che rappresenta proprio allo scopo di trovare un’intesa programmatica per giungere alla definizione di un comune candidato che sappia affrontare e risolvere i problemi della città dello Stretto. Sarà pertanto l’Onorevole Amata, in sinergia con gli Onorevoli Catalfamo e Bucalo, a rappresentare la voce di Fratelli d’Italia nella qualità di unica delegata per l’assunzione di responsabilità relativa alle comunali di giugno a Messina, così come deciso in occasione di un incontro tenutosi giovedì scorso a Roma alla presenza dei vertici di partito, la presidente Meloni in testa”.

Messina ha poi aggiunto: “Quello del 10 giugno prossimo, è uno step al quale la politica ha il dovere di arrivare preparata, proponendo progetti validi e una candidatura che sappia incarnare i valori del centrodestra, scongiurando così il rischio di ripetere un’esperienza amministrativa come quella che sta per concludersi, per il bene di Messina e dei messinesi”.

A siglare la spaccatura è il coordinatore provinciale, Franco Tiano: “Nella mia qualità di Dirigente provinciale di Fratelli d’Italia – continua Tiano – annuncio la creazione di due liste per le prossime elezioni amministrative. Alla lista “politica”, infatti, affiancheremo una lista civica, aperta a tutti quanti in città vogliano abbracciare i valori che abbiamo sempre sostenuto a testa alta, senza improbabili cambi di casacca”.

Condividi