Bruciavano rifiuti in una scuola nell’Agrigentino, in manette 5 operai di una ditta barcellonese

Pensavano di passare inosservati, ma si sbagliavano. Siamo nell’Agrigentino, dove cinque operai di una ditta di costruzioni di Barcellona Pozzo di Gotto stavano lavorando in una scuola materna di Ravanusa. Arrivato il momento di smaltire i rifiuti, piuttosto che destinarli ad una ditta specializzata hanno pensato che fosse meglio bruciarli. Tuttavia sono stati beccati da una volante dei Carabinieri che, mentre era impegnata in servizio di pattuaglia, ha sorpreso loro in flagranza di reato.

Un catanese, un licatese e tre barcellonesi dovranno adesso rispondere del reato di combustione illecita di rifiuti pericolosi, con l’aggravante di aver agito nell’esercizio di un’impresa, ottenendo così un notevole abbattimento dei costi, che si sarebbero dovuti affrontare qualora fosse stato richiesto l’intervento di una ditta specializzata per smaltire correttamente i rifiuti speciali prodotti, pericolosi per la salute pubblica, così come previsto dalla legge.

Condividi




Change privacy settings