Confconsumatori si fa in quattro per informare e tutelare. L’avv. Calì: “I diritti non si negano”

Confconsumatori al fianco dei cittadini-utenti a tutela dei propri diritti. L’evento, realizzato  a Catania all’interno del progetto “Susiti” (Start Up Sportelli Informativi Tutela Individui), nell’ambito del Programma Generale della Regione Siciliana 2016/2017, ha visto il coinvolgimento di altre associazioni quali Federconsumatori, Acu, Associazione Consumatori Siciliani, Lega Consumatori e Movimento Consumatori.

Si è trattato di un momento formativo-informativo nel quale sono intervenuti gli esperti di Confconsumatori che da anni operano nei nei quattro settori.

La delicata tematica dell’energia e dei rifiuti è stata trattata dall’avv. Isabella Rotoli, quella della Telefonia da Marianna Gullotti, conciliatrice, quella dell’Acqua dall’avv. Diego Lanza. L’avv. Maurizio Mariani ha relazionato sulle conciliazioni che i consumatori possono intraprendere in materia energia, acqua e gas innanzi all’Autorità.

In tutti gli interventi è emerso come siano tante e diversificate le forme di tutela esistenti e che, purtroppo, i consumatori, non conoscono a sufficienza. E, accanto alle tradizionali, esistenti da anni, ve ne sono alcune nuove, già in atto ed altre che partiranno con il 2018, attraverso le quali gli utenti possono esercitare le loro difese contro i diritti negati dalle aziende e dalle Amministrazioni locali in materia di energia, telefonia, acqua e rifiuti.

Tra quelle tradizionali, le conciliazioni paritetiche, ad esempio, previste da appositi protocolli sottoscritti dalle associazioni dei consumatori e le aziende, hanno consentito in questi anni la definizione di tante controversie nelle quali i consumatori rimaste vittime di disservizi, abusi ed inadempimenti non avevano ricevuto il giusto riconoscimento dei loro diritti.

E’ stata effettuata una generale esposizione della normativa di settore, costituita non solo dai provvedimenti legislativi ma anche dalle Delibere delle Autorità, che obbligano le aziende all’osservanza di plurimi comportamenti a rispetto degli utenti.

L’incontro è stato presieduto dall’avv. Carmelo Calì, presidente di Confconsumatori Sicilia, che nelle sue conclusioni ha evidenziato come, ancor oggi, il primo diritto negato ai consumatori è quello all’informazione e che occasioni come questa favoriscono la veicolazione di tutte le notizie necessarie affinché i diritti possano trovare concreta applicazione.

Condividi