Warning: call_user_func_array() expects parameter 1 to be a valid callback, function 'wp_pre_kses_block_attributes' not found or invalid function name in /web/htdocs/www.messinaoggi.it/home/website/wp-includes/class-wp-hook.php on line 288

Giardina nomina un nuovo esperto ai servizi sui rifiuti

Il sindaco, Eligio Giardina, ha conferito all’ing Roberto Campagna, l’incarico fiduciario di suo esperto perchĂ© possa supportarlo nell’attuazione del programma politico amministrativo attraverso una migliore pianificazione dei servizi connessi alla gestione di rifiuti, ed in

particolare alla messa in regime dell’Aro collaborando nella redazione degli atti

regolamentari e di gara, propedeutici al passaggio dall’attuale gestione della tassa dei rifiuti, detta Tari a quella “puntuale”, cioè, la Tarip. In questo modo si tenta di realizzare una gestione dei rifiuti efficiente, efficace ed economica, consentendo una ripartizione dei costi equa e commisurata al servizio reso ad ogni singolo utente. Intanto questa è una delle poche nomine di Giardina retribuite visto che il primo cittadino, nel corso della sua legislatura, ha effettuato solo nomine a titolo gratuito. Campagna riceverĂ , appunto, 2mila cinquecento euro mensili. Si spera che l’organizzazione dell’Aro possa andare in porto in modo tale che i contribuenti possano pagare la tassa sull’immondizia, invece, con un sistema che gratificherebbe chi produce minor materiali di scarto. Molti comuni che tentano di applicare la raccolta differenziata hanno messo in atto, appunto, la Tarip, la tariffa puntuale che consente di pagare il servizio di raccolta rifiuti in base al volume della spazzatura indifferenziata prodotta. Il bando di gara per l’Aro Taormina, la nuova societĂ  che il Comune di Taormina intende costituire per la gestione del servizio di raccolta rifiuti con un progetto di almeno 7 anni, è stato, nel frattempo, bloccato ma adesso si sta cercando ugualmente di andare avanti. Intanto la speranza, per tanti contribuenti, è che presto dalla Tari “a metri quadri” si passi alla Tarip “a peso”. Mauro Romano

Condividi