Dalai Lama sui migranti: “Grazie Italia per il vostro lavoro”

“Dobbiamo vedere il mondo – ha aggiunto il Dalai Lama – con una visione che abbraccia. India e Cina non hanno capacitĂ  di distruggersi a vicenda, per loro l’unica soluzione è convivere in pace. Promuovo la convivenza interreligiosa, che si e’ ottenuta, ad esempio, in India; credo lo si possa fare in tutto il mondo. E’ indispensabile, inoltre, che ci siano filosofie diverse. Il cuore del pensiero è, però, sempre lo stesso. Se sei musulmano non sei violento, quando uccidi sei terrorista e non musulmano o buddhista”.

Inoltre oggi è stata conferita la cittadinanza onoraria al Dalai Lama. “Il mio corpo e’ anziano ma la mia mente e’ molto giovane – ha esordito il religioso – sono felice di essere con voi e di avere avuto questo riconoscimento e questo contatto cosi’ diretto con i sindaci”. “Vi porto un messaggio antico – ha proseguito – in un luogo di storia. Buddha lo considero un filosofo. Sono contrario al cambio della religione: ognuno deve mantenere la propria. Mi reputo uno dei sette miliardari di persone del mondo. Le differenze, per esempio di religione o di altro, sono secondarie. Voglio essere uno di voi. Problemi come il riscaldamento globale o l’economia mondiale investono tutti; c’e’ invece troppa enfasi sulle differenze secondarie come quello di razza o religione. Bisogna porre invece enfasi sull’unita’ della razza umana”.

 

Condividi




Change privacy settings