Biancuzzo: “Acqualadrone rischia di scomparire”

Squallido abbandono: è la fotografia che arriva dal villaggio di Acqualadrone, ormai ridotto al collasso. Grande amarezza, ma voglia come sempre di lottare per il consigliere della VI Circoscrizione, Mario Biancuzzo, che denuncia l’ennesimo scempio.

“Spazzatura abbandonata sul suolo demaniale dall’inciviltĂ  di criminali che sfregiano senza scrupoli, restando impuniti, il villaggio rivierasco affollato da centinaia di vacanzieri. Si trova di tutto, copertoni di grossi camion che dovrebbero essere smaltiti con procedure speciali, materassi, materiale di risulta, bottiglie di vetro e di plastica, sacchi grandi neri stracolmi di spazzatura. Sulla spiaggia sono anche presenti blocchi di amianto sbriciolati, che si confondono con il pietrame.

Nel 2009 – ricorda Biancuzzo – la Guardia costiera aveva provveduto a spazzare a colpi di ruspa, case, muri e recinzioni, tutte abusive, sui prime mille metri quadrati di litorale per anni rubati all’uso pubblico. Per qualche anno, fino al 2012, sulla spiaggia venivano allestiti due campi di beach volley e di calcetto ed un lido che sporgeva sulla battigia dove turisti, ragazzi restavano nello stesso villaggio a respirare aria proveniente dal mare diurno e notturno e senza allontanarsi da “Aquaruni”.

Ma i marosi hanno distrutto tutto, non è rimasto piĂą niente. Il mare avanza verso l’abitato ed è ormai a ridosso della strada, che tra l’altro si presenta con buche ed avvallamenti.

I quesiti di Mario Biancuzzo. Premesso ciò chiedo agli organi competenti quanto segue:

  1. Che fine ha fatto il progetto da 5 milioni di euro a due articolazioni, per la realizzazione di un porticciolo e di tutte le opere necessarie a salvaguardia dell’abitato di Acqualadrone.
  2. Ripascimento e posa massi a protezione del villaggio Acqualadrone con la somma di 350mila euro e relativo progetto. Bisogna fare presto. Acqualadrone, non è allarmismo, è a rischio ed i marosi potrebbero determinare pericoli di incolumità alle persone anziane, agli immobili ed agli impianti comunali.
  3. Bitumatura della via Lungomare Acqualadrone
  4. Messa in sicurezza del costone per eliminare il pietrame che si stacca precipitando sull’unica strada che collega il villaggio rivierasco con la Ss 113/dir. Che fine ha fatto il progetto per un importo di 408mila euro per l’esecuzione dei lavori?
  5. Rimozione della spazzatura abbandonata, l’eliminazione dei copertoni materiale inquinante e alcuni pezzi di Eternit lasciati sulla spiaggia.

 

 

Condividi




Change privacy settings