Calcio, il futuro del Messina nelle mani del sindaco

L’imprenditore messinese Francesco Barbera, questo pomeriggio com’è noto ha incontrato il sindaco Renato Accorinti e l’assessore allo sport, Sebastiano Pino. Argomento all’ordine del giorno la ricostruzione del calcio messinese dopo l’indecoroso fallimento dell’Acr per opera di Franco Proto. Al termine dell’incontro abbiamo sentito Barbera per avere maggiori chiarimenti sull’esito dell’incontro.

Intanto, chiariamo un aspetto. E’ stato il sindaco ad invitarla o lei s’è proposto?

“Grazie per la domanda alla quale rispondo volentieri. E’ stato il sindaco a chiedermi un incontro perché da parte sua c’è grande interesse per fare ripartire il calcio a Messina. Personalmente, ho manifestato da grande tifoso un interesse per il Messina, al punto che ho cercato di supportare l’Acr durante quel venerdì nero che tutti vorremmo cancellare”.

Cosa vi siete detti?

“Il sindaco ha chiesto la mia disponibilità ed ha chiesto di conoscere a breve un progetto sportivo. Personalmente ho manifestato la via disponibilità ma ho chiarito che da solo non farò mai calcio e che è indispensabile portare avanti un progetto inclusivo”

Quindi allargare ad altri imprenditori?

“Indubbiamente, ho chiesto al sindaco di farsi carico di trovare altri 5 imprenditori che come me sono disposti ad investire nel calcio e che abbiano la possibilità di portare avanti un progetto ambizioso”.

Quindi la palla passa nelle mani del sindaco?

“So che ha incontrato altri imprenditori, a lui spetta il compito di fare sintesi. Ma non c’è tempo da perdere perché entro 7/10 giorni si deve passare alle vie di fatto”

L’amministrazione è parsa comunque interessata?

“Direi di sì. Ho notato che l’assessore Sebastiano Pino è molto informato. So che si è messo già in contatto con la Federazione”.

Intanto, sui Social la tifoseria giallorossa ha ripreso un po’ di entusiasmo dopo la cancellazione dal campionato professionistico. La speranza adesso è che il calcio possa ripartire con un progetto serio che possa condurre la squadra di calcio verso palcoscenici degni di una piazza importante qual è Messina.

 

Condividi