Mutui “fantasma” a Brolo, Ms5 denuncia gravi irregolaritĂ 

“Due dissesti finanziari in pochi anni e numerose irregolaritĂ  contabili-amministrative registrate a Brolo”, così la deputata del Movimento 5 Stelle Valentina Zafarana chiede l’intervento della Regione. “Quanto emerge dai documenti portati in Consiglio comunale, e approvati dallo stesso, se confermato, dipingerebbe un quadro di irregolaritĂ  gravissime – denuncia la deputata 5Stelle – come ad esempio mandati di pagamento che risultano nella contabilitĂ  del comune e intestati a beneficiari diversi rispetto ai mandati in possesso del tesoriere; o ancora, mandati di pagamento a favore del responsabile dell’area economico-finanziaria e del personale appartenente all’ufficio ragioneria, privi di qualsivoglia legittimazione; e quindi, mandati di pagamento a favore di associazioni a titolo di contributi vari imputati a capitoli non pertinenti e privi di atti amministrativi che li autorizzino o, addirittura, mancati versamenti dei contributi previdenziali ed assistenziali.

L’irregolaritĂ  piĂą eclatante – denuncia l’esponente dei 5Stelle – deriverebbe da assunzioni di mutui, tra il 2008 e il 2012, per opere non previste nei documenti di programmazione amministrativo-contabili, nĂ© mai peraltro interamente realizzate, ma, tuttavia quasi integralmente erogati.

Stiamo parlando di mutui ‘fantasma’ dal valore di circa 5 milioni di euro che hanno comportato una risoluzione contrattuale da parte dell’erogatore, la Cassa depositi e prestiti, che, peraltro, ha richiesto il rimborso da parte del Comune, di quanto erogato.

Tutto questo – ribadisce la deputata – non è frutto di nostre supposizioni, ma messo nero su bianco nella proposta di deliberazione a firma della Responsabile dell’Istruttoria, Grazia Catena Curasì e dell’assessore al bilanci pro-tempore, Gaetano Scaffidi, poi approvata dal Consiglio comunale, senza che nessuno in Regione battesse ciglio di fronte a tali gravissime affermazioni.

Bisogna inviare urgentemente una commissione ispettiva presso il Comune di Brolo – conclude Zafarana – al fine di accertare in maniera inequivocabile, nell’interesse esclusivo dei cittadini, lo stato dei conti pubblici dell’Ente. Inoltre, sarebbe opportuno indicare un commissario ad acta al fine di redigere e far approvare i documenti amministrativi e contabili ancora mancanti”.

 

Condividi