Lavori a piazza Cairoli: tutto merito di tre galline

I messinesi dovranno ringraziare tre “galline” e chi ha avuto la geniale idea di realizzare una protesta così plateale. Piazza Cairoli sta cambiano volto e lo si deve alla forza d’urto di un manifestazione plateale di Confcommercio Messina.

Chi non ricorda le galline che razzolavano nel recinto della piazza principale della città. Una protesta memorabile che ha innescato un meccanismo di “rivalsa” da parte degli amministratori di Palazzo Zanca. Nel giro di qualche settimana l’assessore Sergio De Cola s’è messo in moto per cambiare volto alla piazza ridotta ad un cantiere.

Oggi il cantiere è realmente aperto e la foto mostra come i lavori iniziati da qualche giorno stiano andando avanti a ritmo serrato. Già rimosso quell’odioso parquet diventato una trappola terribile per i pedoni, spesso vittime di incidenti.

La ditta che sta eseguendo i lavori si è presa cinque mesi di tempo, secondo il cronoprogramma, per completare la posa della pavimentazione e la riqualificazione della piazza.

Tuttavia, c’è da rilevare che la lentezza della burocrazia ha fatto sì che il cantiere venisse aperto solo ad inizio settimana, ovvero in coincidenza con l’arrivo delle navi da crociera e l’avvio della stagione estiva. “Non voglio fare polemica – afferma Lino Santoro, coordinatore Fipe e contitolare dell’omonimo Ritrovo – ma noi commercianti del centro lavoriamo 5 mesi all’anno con i croceristi e ci aprono il cantiere. Ma voglio guardare tuttavia avanti e mi auguro che la prossima estate la piazza sarà davvero accogliente. Che nessuno si intesti il successo di questa battaglia perché se i lavori sono partiti è solo grazie a noi della Confcommercio”.

Condividi