Over 80: scatta la vaccinazione anti-Covid, ma il Pd bacchetta Musumeci

redme

Over 80: scatta la vaccinazione anti-Covid, ma il Pd bacchetta Musumeci

redme |
venerdì 19 Febbraio 2021 - 16:59

La Sicilia entra nel pieno della campagna di vaccinazione di massa. Verrà avviata domani la somministrazione dei vaccini anti-Covid sulla popolazione Over 80 (fino a tutta la classe 1941).
Complessivamente saranno 66 i centri vaccinali coinvolti, a cui andranno ad aggiungersi, a partire dal 1° marzo, le squadre sanitarie che effettueranno la vaccinazione a domicilio per quei cittadini impossibilitati a raggiungere autonomamente i siti dove si effettuano le inoculazioni.
La stima prevista dall’assessorato regionale alla Salute è pari a circa 5mila vaccini al giorno per la sola popolazione Over 80, a cui vanno ovviamente ad aggiungersi le somministrazioni sulle altre categorie che già rientrano nel piano vaccinale modulato secondo le disposizioni nazionali (forze dell’ordine, militari, personale della scuola e delle università e, a seguire, servizi di comunità ed essenziali) e i cittadini ai quali deve essere somministrata la dose di richiamo. Al momento risultano prenotate 129.940 persone appartenenti al target Over 80.
A Messina, dopo varie interlocuzioni, è stato individuato uno spazio all’interno della Fiera: si tratta del padiglione 7, ritenuto idoneo dopo un sopralluogo a cui hanno preso parte anche gli esperti della Protezione civile regionale ed i rappresentanti dell’Asp.
BORDATE DEL PD AL GOVERNO MUSUMECI. Dal Pd regionale arrivano però attacchi al governo: “Il calendario delle vaccinazioni anti-Covid è saturo e le prenotazioni bloccate per migliaia di ultra ottantenni, ma il governo Musumeci continua a fare orecchie da mercante”, afferma Giuseppe Lupo, capogruppo all’Ars, che torna a sollecitare l’assessore alla Salute sul piano vaccini.
“Le prenotazioni bloccate a pochi giorni dall’avvio della campagna vaccinale, anziani dirottati in strutture sanitarie distanti dal luogo di residenza e difficilmente raggiungibili – continua Lupo – sono il segno tangibile del caos della sanità in Sicilia per responsabilità dell’assessore, nonostante il generoso impegno del personale sanitario. Mentre non si hanno notizie dell’annunciato accordo tra l’assessorato ed i medici di medicina generale che il governo Musumeci sembra voler tenere ai margini dell’organizzazione sanitaria per la lotta al Covid. È scandaloso che a distanza di un anno dall’esplodere della pandemia il governo Musumeci non sia ancora riuscito ad organizzare una corretta campagna di vaccinazione”.