Carenza ausili al Mandalari, Fais e Asis puntano il dito contro l'Asp

redme

Carenza ausili al Mandalari, Fais e Asis puntano il dito contro l'Asp

redme |
sabato 31 Ottobre 2020 - 07:32
Carenza ausili al Mandalari, Fais e Asis puntano il dito contro l'Asp

Mancata e discontinua erogazione di ausili ed accessori necessari alla salute dei pazienti uro/colo/ileostomizzati, la farmacia del Mandalari torna nell’occhio del ciclone. Questa volta è la Federazione delle associazioni incontinenti e stomizzati, unitamente all’Associazione siciliana incontinenti e stomizzati, a puntare il dito contro l’Asp di Messina.
“È del tutto superfluo evidenziare la gravità di tale disservizio ai danni dei pazienti portatori di stomia per i quali i dispositivi in parola sono necessari a garantire non solo la salute ma la propria sopravvivenza, né è ammissibile che le poche erogazioni effettuate non abbiano tenuto conto dell’appropriatezza dell’ausilio con le conseguenti complicanze cliniche.
Già con nota del 9 settembre scorso, priva di riscontro, l’associazione regionale chiedeva al Direttore dell’Asp un incontro per avere chiarimenti in merito; da voci di corridoio si sono apprese varie motivazioni tutte insostenibili, fra le quali quella della insufficienza dei fondi di bilancio. Ora la situazione non è più procrastinabile: si sta negando il diritto alla salute dei pazienti che ci onoriamo di rappresentare addirittura privandoli di una prestazione obbligatoria sancita nei livelli essenziali di assistenza dal Dpcm 12 gennaio 2017.
Chiediamo – si legge nella nota – l’immediato e regolare ripristino del servizio e di conoscere le motivazioni che non hanno consentito alle Unità operative di competenza la corretta erogazione degli ausili per stomia, prestazione obbligatoria e fondamentale che le scriventi associazioni, permanendo tale situazione, intendono tutelare nelle sedi opportune”.
Nulla di nuovo, aggiungiamo noi, considerati i nostri tanti servizi-denuncia sui disservizi e la mancanza di ausili e presidi alla farmacia del Mandalari.