Uiltrasporti: “Ok treni Pop, ma si rilanci la metroferrovia”

Non si è fatta attendere la risposta dei sindacati in  merito alla presentazione dei treni Pop ed al mancato “decollo” della metroferrovia di Messina. A prendere posizione è la Uiltrasporti.

“I nuovi treni Pop incrementano la flotta del trasporto regionale siciliano e consentono una capienza massima di 464 passeggeri  ciascuno. Si tratta di treni tra i piĂą capienti destinati al trasporto pendolare siciliani.

Al 50% della loro capienza, secondo le ultime disposizioni dell’ordinanza del presidente Musumeci in relazione alla prevenzione dal rischio Covid nel trasporto pubblico, potrebbero trasportare ben 232 passeggeri, 153 seduti e 80 in piedi, collegando con frequenza di 25 minuti la zona sud di Messina alla stazione centrale.

Per questo continuiamo a sollecitare la Regione, Trenitalia e l’amministrazione comunale –  ribadisce Uiltrasporti Messina – sull’avvio dell’integrazione con Metroferrovia Giampilieri – Messina, considerandola un’occasione da sfruttare nel sistema della mobilitĂ  cittadino, oggi ancora  trascurata, specialmente in questa fase di pandemia, ove poteva rappresentare, integrata con Atm, uno sfogo importante per i flussi di centinaia  di pendolari e studenti, liberando al contempo mezzi gommati  che potrebbero  essere impiegati in altri servizi per le scuole in diverse zone della cittĂ .

Abbiamo appreso la convocazione di un incontro per il prossimo giovedì 29 ottobre, a Palermo, da parte dell’assessore Falcone proprio con Trenitalia, Comune di Messina e Atm per discutere di biglietto integrato e metroferrovia. Avviare il servizio integrato in questa fase di emergenza è quantomai importante per la città di Messina”.

Condividi




Change privacy settings