Atm incontra i sindacati: presto bando per assunzioni a tempo indeterminato

redstage

Atm incontra i sindacati: presto bando per assunzioni a tempo indeterminato

giovedì 01 Ottobre 2020 - 10:05
Atm incontra i sindacati: presto bando per assunzioni a tempo indeterminato

Programma di assunzione di nuovi autisti, organizzazione del lavoro e rinnovo dell’accordo integrativo. Questi i temi di cui si è discusso ieri pomeriggio in un incontro tra la direzione di Atm e le organizzazioni sindacali.

Presto assunzioni anche a tempo indeterminato. Al riguardo, i sindacati di base CISL, FAISA, ORSA e UGL hanno chiesto aggiornamenti sul percorso che dovrà approdare a nuove assunzioni di autisti in Atm. L’azienda ha comunicato ufficialmente che darà il via immediato alle procedure concorsuali per l’assunzione di trenta lavoratori con contratti di apprendistato e a un bando parallelo per assunzioni a tempo indeterminato, senza limite di età, ove saranno richiesti requisiti canonici: patente, periodo di guida nel TPL. “Il bando, così come descritto dall’azienza, concede una possibilità a tutti gli aspiranti e sgombra il campo dai ventilati sospetti di concorso su misura”, hanno dichiarato i sindacati. L’azienda ha dichiarato che procederà subito con una prima tranche di 50 assunzioni, si spera, prima della fine dell’anno; attraverso una graduatoria aperta di durata biennale dalla quale potranno essere fatte ulteriori assunzioni in seguito ai previsti pensionamenti.

Rinnovo dell’accordo integrativo e organizzazione del lavoro. Per quel che concerne il contratto integrativo aziendale, è stata avviata una prima ipotesi di lavoro che verrà approfondita in successivi incontri. Nelle more, l’azienda ha esteso fino alla fine dell’anno i bonus contrattuali attualmente vigenti per tutti i dipendenti. Si è inoltre discusso della totale riorganizzazione della ZTL e verifica che dovrà essere posta in essere in tempi brevi. La nota dolente dell’organizzazione dei turni farraginosi nella quarta area e nell’esercizio gommato si dovrebbe risolvere con l’utilizzo di nuova tecnologia e con l’assunzione dei nuovi autisti.

“Riteniamo che con questo incontro sono state gettate le basi per organizzare la nuova azienda con i canoni della produttività, senza compromettere i diritti e la dignità dei lavoratori”, hanno concluso le organizzazioni sindacali.