“L’ospedale pediatrico a Messina”: al via alla sinergia tra Aopi e Unime

Prendono concretamente avvio gli impegni operativi del DAI Materno-Infantile del Policlinico di Messina nell’ambito dell’Associazione Ospedali Pediatrici Italiani (AOPI), nella quale è entrata a far parte negli scorsi mesi. Per l’occasione il dottor Paolo Petralia, direttore generale dell’istituto “Giannina Gaslini” di Genova e presidente dell’AOPI, ha tenuto ieri un intervento, nell’ambito di un apposito convegno organizzato presso l’Aula Magna dell’Ateneo peloritano, dal titolo “Un’opportunità in più per il futuro: l’ospedale pediatrico a Messina”. Nel corso dell’incontro, moderato dal professor Claudio Romano, docente di Pediatria e organizzato dall’Ateneo peloritano, dal Policlinico universitario “G. Martino” e dall’AOPI, sono intervenuti, inoltre, il dottor Gianpiero Bonaccorsi, commissario straordinario AOU “G. Martino” ed il professor Carmelo Romeo, direttore del dipartimento Materno-Infantile del Policlinico di Messina.

L’AOPI. L’AOPI, attiva in Italia da oltre 10 anni, è costituita dai più prestigiosi centri di alta specialità dedicati all’Area Materno-Infantile (ospedale pediatrico Bambino Gesù, ospedale Gaslini, ecc.). Gli obiettivi dell’attività di AOPI sono costituiti dalla promozione dello sviluppo culturale, scientifico e gestionale delle strutture assistenziali dedicate alla cura del bambino e del soggetto in età evolutiva. Inoltre, essa costituisce un punto di riferimento per le istituzioni nella pianificazione, programmazione ed organizzazione delle politiche sanitarie pediatriche. Il DAI Materno-Infantile del Policlinico, quindi, è riconosciuto come “ospedale pediatrico” all’interno di un’Azienda ospedaliera universitaria, seguendo l’esempio del Policlinico Sant’Orsola di Bologna e del Policlinico di Padova. Il DAI diventerà punto di riferimento per il territorio, ed in particolare per la Sicilia Occidentale, per l’assistenza pediatrica di alta specialità.

“Sono onorato di avere come ospite il dottor Petralia, direttore generale di uno degli ospedali più prestigiosi e all’avanguardia del mondo della Pediatria – ha detto il rettore Salvatore Cuzzocrea – e ringrazio il professor Claudio Romano che ha seguito in qualità di delegato dell’Università e del DAI assistenziale, tutte le procedure che hanno portato al conseguimento di questo importante risultato, fortemente sostenuto dalla governance. Il miglioramento di didattica, ricerca ed assistenza ci consentirà di fare sempre più squadra e contribuirà, inoltre, a rendere il nostro Polo pediatrico il punto di riferimento per la Sicilia e la Calabria, ponendo fine a interminabili viaggi della speranza”.

“La sinergia fra l’ospedale pediatrico messinese, l’AOPI ed il ‘Gaslini’ – ha commentato il dottor Petralia – consentirà di avere risposte specifiche e veloci per i piccoli pazienti. Con esse anche una struttura a misura di bambino costituita da professionisti competenti, specialisti in pediatria ed in tutte le discipline connesse e strumenti adeguati alle esigenze dei bambini e delle loro famiglie. Questa è la ricetta che, in prospettiva, metteremo in campo con l’impegno di contribuire a sviluppare ogni buona pratica pediatrica a Messina. L’obiettivo sarà quello di offrire non soltanto le migliori cure, ma anche il modo migliore per essere curati. I chirurghi di Messina e del ‘Gaslini’ lavorano già insieme e, per effetto di questa ulteriore collaborazione lo faranno ancora di più per crescere e incrementare il bagaglio di tecniche e competenze utili a formare le nuove generazioni di medici che assicureranno continuità nella cura ospedaliera dei bambini degenti”.

Condividi




Change privacy settings