A20: sotto torchio l’incidente di Viviana

“Abbiamo nominato un nostro consulente, Domenico Costa, per gli esami che verranno effettuati sull’auto dai consulenti della Procura che si recheranno nella galleria dell’A20 Messina-Palermo”. La comunicazione arriva dall’avvocato Pietro Venuti legale di Daniele Mondello, marito di Viviana Parisi, la dj poi trovata cadavere nelle campagne di Caronia l’8 agosto dopo essere scomparsa il 3 agosto, e padre di Gioele, trovato morto il 19 nelle campagne di Caronia.

Il procuratore di Patti sta conferendo l’incarico ai consulenti che dovranno fare un esame irripetibile per comprendere come è avvenuto l’incidente tra l’auto di Viviana e un furgone e stabilirne la dinamica. Sarà nominato un consulente per analizzare il tablet e il cellulare della donna.

“Oggi – prosegue – integreremo i quesiti che saranno posti dalla procura ai consulenti in merito a quella che è la ricostruzione della dinamica dei fatti. Bisogna capire se c’è stato un urto che ha coinvolto anche il bambino. Ho sempre detto che è importante anche analizzare attentamente le dichiarazioni dei testimoni che si sono presentati dopo 11 giorni presso gli uffici della polizia per rendere dichiarazioni. Bisogna capire cosa hanno notato del bimbo, perché essere vivo in braccio non vuol dire che stesse bene e non è detto che non presentasse traumi post incidente”.

Condividi




Change privacy settings