Rubava in case di cura, parrocchie ed all’UniversitĂ , 34enne in manette

I poliziotti delle “Volanti” hanno proceduto all’esecuzione della misura cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Messina a carico di Pasquale Anaclio, nato a Palermo, 34 anni.

L’uomo è ritenuto responsabile di una serie di furti e tentati furti perpetrati in città ai danni di attività commerciali, case di cura, parrocchie e persino della locale Università, in un arco temporale assai ristretto che va da aprile a giugno 2020.

Grazie all’accurato lavoro di indagine della polizia, coordinata dalla locale magistratura, è stato possibile risalire all’identitĂ  dell’uomo ed a contestare le evidenti responsabilitĂ  per ogni singolo episodio.

Il trentaquattrenne ha, in piĂą occasioni, forzato porte e distrutto arredi arraffando quanto presente di valore. Presi di mira distributori automatici, un erogatore di gettoni, gli armadietti degli operatori in servizio presso una casa di cura. Rubati pc portatili, telefonini, denaro contante.

L’analisi delle immagini estrapolate dai sistemi di videosorveglianza presenti negli uffici, esercizi commerciali e sacrestie, ha di volta in volta dimostrato la presenza dell’uomo e la crescente capacità a delinquere.

Le testimonianze dirette e il riscontro sui tabulati telefonici hanno quindi confermato quanto emerso. In un caso ad incastrare il ladro è stato un telefonino che lo stesso ha utilizzato subito dopo averlo rubato all’interno di una chiesa.

Fondamentale l’immediato intervento del personale del Gabinetto Provinciale di Polizia Scientifica di Messina e i successivi riscontri presso quello Regionale di Catania, grazie a cui è stato possibile rilevare le impronte e le tracce biologiche presenti.

Gli accertamenti tecnici esperiti hanno comprovato che quanto rinvenuto era riconducibile al trentaquattrenne.

L’autore dei furti, già agli arresti domiciliari, era stato arrestato due volte venerdì scorso, nell’arco della stessa giornata, per il reato di evasione, rintracciato a bordo di una bici circa la cui provenienza non aveva saputo fornire spiegazione alcuna.

I poliziotti delle “Volanti” sono risaliti al legittimo proprietario e hanno riconsegnato il mezzo.

Il precitato è stato trasferito presso la casa circondariale di Barcellona.

Condividi




Change privacy settings