Abusivismo, aggredita la Municipale: Giardina finisce al Policlinico

Ennesima aggressione nei confronti dei vigili urbani, nell’ambito della quale è stato aggredito anche il commissario Giovanni Giardina, che è stato trasferito al Policlinico per tutti gli accertamenti del caso.

Questa mattina, nell’ambito di un apposito servizio volto a contrastare il fenomeno dell’ambulantato abusivo, gli agenti della sezione Annona della Polizia municipale si sono recati al mercato Vascone per stanare eventuali abusivi. Durante i controlli sono stati sorpresi alcuni trasgressori, nei confronti dei quali si è proceduto con il sequestro della merce prima e l’elevazione delle sanzioni amministrative poi. Questa volta però gli abusivi sono andati in escandescenza e hanno iniziato a inveire contro gli operatori della Municipale. Aggressioni verbali che di lì a poco, stando alle prime ricostruzioni, si sono trasformate in aggressioni fisiche che, come detto, hanno mandato in ospedale anche il commissario Giardina. PiĂą nel dettaglio, il commissario sarebbe stato spintonato, andando a sbattere la fronte contro lo spigolo dello sportello dell’auto dei vigili. Al commissario sono stati applicati dei punti di sutura e in ogni caso le sue condizioni non sono gravi: infatti, è stato giĂ  dimesso con prognosi di sette giorni. Una volta appreso dell’aggressione, l’assessore Dafne Musolino si è recata immediatamente al Policlinico per assicurarsi che il commissario stesse in buone condizioni.

Intanto sul luogo dell’aggressione sono giunte le forze dell’ordine per risalire ai diretti responsabili di quanto accaduto. Le immagini relative alla fase del sequestro e del conseguente ferimento del commissario, catturate tramite bodycam dalla Polizia municipale, sono giĂ  al vaglio della Polizia specialistica. Uno dei presunti aggressori, G. A. le sue iniziali, è stato condotto alla caserma “Di Maio” assieme al figlio, con il quale stava lavorando. In particolare, verrĂ  denunciato per resistenza, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale. Inoltre, padre e figlio saranno destinatari di daspo urbano.

La solidarietĂ  dell’amministrazione. “La massima solidarietĂ  al commissario Giardina – hanno espresso il sindaco Cateno De Luca congiuntamente all’Amministrazione comunale – per l’attivitĂ  che quotidianamente svolge in prima persona con grande professionalitĂ  e spirito di abnegazione, esponendosi spesso a rischi che derivano, come in questo caso, dalla pervicace volontĂ  di agire in spregio alla legge. L’episodio di oggi, che purtroppo richiama alla mente anche l’aggressione subita qualche settimana fa da un’agente della Polizia municipale impegnata nel servizio di contrasto all’abbandono di rifiuti, conferma l’importanza dell’attivitĂ  svolta dal corpo di Polizia municipale che andrĂ  avanti in modo ancora piĂą deciso e incisivo”.

Sulla stessa lunghezza d’onda il presidente del Consiglio Comunale Claudio Cardile e l’intero Civico Consesso, che al riguardo hanno dichiarato: “Esprimiamo solidarietĂ  al commissario Giardina per quanto accaduto. Il commissario svolge un’attivitĂ  preziosa per il comune di Messina esponendosi spesso anche a rischi, ma sempre con professionalitĂ  e spirito di abnegazione. Questi spiacevoli episodi fanno capire l’importante azione di repressione che il Corpo di Polizia municipale svolge nel territorio, e per questo ne siamo riconoscenti”.

P.M.

Condividi




Change privacy settings