Valdinisi, nuovo presidente in arrivo. Il consuntivo di mister Nello Miano

La Valdinisi Calcio comincia a pensare alla stagione calcistica 2020/21, che lo vedrĂ  ancora ai nastri di partenza del torneo di Promozione avendo evitato la teorica insidia dei play-out, sia pure col vantaggio del doppio risultato a favore, grazie alla cristallizzazione della classifica vigente a inizio marzo che lo vedeva in terz’ultima posizione nel girone di Promozione, a 6 turni dal termine. Previste nei prossimi giorni importanti novitĂ  societarie (si vocifera della nomina di un nuovo presidente) che verranno ufficializzate dal club rappresentativo di Alì Terme e Nizza di Sicilia.

Per il resto è l’ora dei consuntivi in casa Valdinisi che per ora affidiamo al tecnico Nello Miano, subentrato in corsa alla guida della prima squadra. “Esperienza particolare e breve – sottolinea il tecnico di Roccalumera, che era partito dal settore giovanile del club nel quale lavora ormai da diverse stagioni  -. Non sono soddisfatto dal punto dei vista dei risultati, dato che in 7 partite della mia gestione ne abbiamo vinte solo due. Per il resto sono contento del rapporto con dirigenza e calciatori, nonchĂ© del modo in cui ho gestito le 6 settimane di lavoro sul campo. I ragazzi hanno accettato le mie metodologie tecniche e tattiche, dai piĂą grandi ai piccoli, tra i quali c’è stato l’esordio di Domenico Micalizzi, un classe 2004 cresciuto con me nell’under 15. E’ stato bello, poi, per me raccogliere l’apprezzamento degli addetti ai lavori su tutti i campi in cui abbiamo girato: sinceramente è stata una bella sorpresa, non me l’aspettavo dopo 3 anni di assenza dai campionati di prima squadra”.

Quanto a una sua possibile conferma alla Valdinisi, prima squadra e/o settore giovanile, Miano replica che “Tutto dipenderĂ  da cosa e in che termini mi verrĂ  proposto.  Prima di decidere voglio prima ascoltare la dirigenza”.

Infine, al mister abbiamo chiesto una riflessione sulle prospettive del calcio in generale dopo la pandemia: “Il calcio siciliano, ma anche quello nazionale, sta perdendo l’occasione per riformarsi. Dalla Serie B in giĂą, a mio parere, ce ne sarebbe tanto bisogno, ma prevarranno come sempre gli interessi di pochi decisi  a tenersi le poltrone”.

Quanto al modo in cui ha vissuto l’ultimo periodo, Miano aggiunge: “E’ stato un modo per soffermarsi a riflettere sulla vita frenetica che svolgiamo e ci porta a curare poco i rapporti umani. Ho avuto modo di sentire tanti amici con i quali, pur avendo vissuto momenti ed emozioni importanti, ci si telefonava solo per gli auguri a Natale e a Pasqua.  Purtroppo dal 4 maggio tutto è tornato come prima e la frenesia ha di nuovo preso il sopravvento“.

Condividi




Change privacy settings