Imu, Zuccarello: “Rinviare il pagamento al 30 settembre”

Rinviare il pagamento dell’Imu al prossimo 30 settembre. È quanto richiesto dal coordinatore provinciale di Autonomi e Partite Iva, Daniele Zuccarello, considerato che, come spiega Zuccarello, il “Decreto Rilancio” dà la possibilità ai comuni di rinviare il termine di pagamento dell’acconto Imu del 16 giugno.

“Il ‘Decreto Rilancio’ ha conferito ai comuni la facoltà di rinviare il termine del pagamento dell’acconto Imu previsto per il 16 Giugno. – si legge in una nota di Zuccarello indirizzata alla Regione Siciliana e ai comuni dell’Isola – Solo alcune tipologie di attività turistiche e ricettive sono state esentate dal decreto. L’Anci, inoltre, ha predisposto una bozza di delibera riservata ai comuni per posticipare i termini come data ultima al 30 settembre 2020. Non riusciamo a comprendere come oggi la Regione Siciliana e tutti i comuni che ne fanno parte, non prendano in considerazione tale possibilità.

“Le nostre imprese e tanti cittadini siciliani solo da qualche giorno, e con mille difficoltà, stanno cercando di riportare la propria vita e il lavoro alla normalità; ma oggi non sono in grado di pagare l’imposta Imu. Sempre tanti cittadini siciliani, solo da pochi giorni (e non tutti), hanno ricevuto la tanto attesa cassa integrazione.

“È necessaria una proroga almeno fino al 30 settembre (anche se l’esenzione sarebbe stata un’azione più gradita), per permettere di recuperare le perdite subite economicamente in questi mesi di pandemia. Facciamo un appello a tutti i sindaci siciliani e al Presidente della Regione Siciliana, di prorogare il termine così come è stato fatto in altri comuni italiani e in qualche caso raro di comune siciliano, altrimenti le tante dirette e interviste resteranno, come già abbiamo appreso più volte, un amaro slogan”.

Condividi




Change privacy settings