Coronavirus, quando arriverĂ  il picco?

I prossimi giorni saranno cruciali per capire se effettivamente si stia avvicinando il picco nei casi di Coronavirus SarsCoV2. A indicarlo non è il numero dei malati, pari a 17.750 con 21.157 contagiati. A mettere in allerta è il lieve rallentamento nella progressione delle morti, che ieri sono state 175 in più contro le 250 in più registrate venerdì.

Per il fisico esperto di sistemi complessi Giorgio Parisi, dell’Università Sapienza di Roma e dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (Infn) “se anche i dati di oggi saranno buoni vorrà dire che si sta cominciando a vedere qualche effetto del contenimento”.

Ad oggi comunque, ha aggiunto, “non si può parlare di un rallentamento statisticamente significativo, ma se la tendenza dovesse proseguire per altri due giorni, allora potremmo pensare a un trend che si sta consolidando”. Oltre al rallentamento dei decessi, un altro numero interessante è l’aumento contenuto dei pazienti ricoverati in terapia intensiva, pari a 1.518 i malati, 190 in più rispetto a ieri: “potrebbero indicare una tendenza, che si stia avvicinando il picco”.

Condividi




Change privacy settings