Operazione "Dinastia", il grazie di Barcellona a giudici e carabinieri

redstage

Operazione "Dinastia", il grazie di Barcellona a giudici e carabinieri

sabato 29 Febbraio 2020 - 09:58
Operazione "Dinastia", il grazie di Barcellona a giudici e carabinieri

“Un sentito ringraziamento ed un sentimento di profonda gratitudine manifesto, anche a nome dei cittadini di Barcellona Pozzo di Gotto, alla magistratura e a tutto il personale dell’Arma dei carabinieri che con alta professionalità e grande abnegazione hanno condotto le indagini e portato a termine l’importante operazione antimafia”. Con queste parole il sindaco di Barcellona Pozzo di Gotto, Roberto Materia, ringrazia, anche a nome della città, giudici e carabinieri per il lavoro svolto nell’ambito della cosiddetta operazione “Dinastia”, che nella giornata di ieri ha portato all’arresto di 59 persone ritenute affiliate alla criminalità mafiosa del comprensorio tirrenico messinese.

Abbattuta la nuova Cupola barcellonese: 59 arresti. TUTTI I NOMI


“I profili degli arrestati confermano tuttavia che nonostante i successi che lo Stato continua a riportare, – prosegue il primo cittadino – la mafia è un parassita che ancora continua ad insinuarsi nella carne viva della nostra società e del suo tessuto economico e ne condiziona le prospettive. Dobbiamo dunque prestare attenzione a non abbassare la guardia e a mantenere alto il livello di vigilanza e la resistenza contro questa barbarie che fa violenza alle persone e oltraggia la civile convivenza.
“Legalità, giustizia, rispetto della persona, libertà sono i valori che stanno alle fondamenta della lotta alla mafia e ad ogni forma di criminalità e che appartengono al patrimonio culturale della nostra società, inscindibilmente collocati nel profondo della coscienza civile soprattutto delle giovani generazioni. Sono i valori che hanno guidato l’azione di tanti servitori dello Stato che in un passato mai lontano hanno immolato la loro vita nella lotta alla criminalità organizzata per affermare la legalità e tutelare la libertà nostra e dei nostri figli”.