Acquasantiere vuote e niente segno di pace, la Chiesa ai tempi del Coronavirus

Aquasantiere vuote, distribuzione dell’Eucarestia sulla mano dei fedeli e scambio della pace da evitare “con un contatto fisico”. Sono i suggerimenti-accorgimenti dell’arcivescovo di Messina, mons. Giovanni Accolla, che è delegato della Conferenza episcopale siciliana per la Caritas e la pastorale della Salute “davanti al diffondersi del coronavirus”.

“Allo stato attuale non è limitata alcuna iniziativa di culto” – dichiara l’arcivescovo, aggiungendo che “qualora le autoritĂ  civili dovessero disporre altrimenti – sarĂ  nostra premura comunicarlo tempestivamente”.

“In particolare – spiega mons. Accolla – è necessario che ci si attenga alle disposizioni delle autorità civili e alle misure igieniche dei presidi sanitari”.

Condividi




Change privacy settings