Amam, ecco i nuovi servizi online

Quella presentata ieri è un’Amam 2.0, un’Azienda meridionale acque che, nell’ottica dell’efficientamento dei servizi erogati all’utenza, ha deciso di investire molto sulla digitalizzazione dei suoi servizi più importanti. Ieri mattina il management di Amam ha tenuto infatti una conferenza stampa, durante la quale sono stati illustrati i servizi che l’azienda ha già posto già in campo per favorire la gestione dei rapporti contrattuali con l’utenza e consentire la reale cognizione amministrativa ed economico-finanziaria dei crediti da fatturazione. In particolare, hanno preso parte all’incontro il sindaco Cateno De Luca e il presidente Amam Salvo Puccio, oltre che i componenti del Cda Roberto Cicala e Loredana Bonasera.

Ecco in dettaglio i quattro nuovi servizi, che saranno funzionanti 24 ore al giorno per tutti i giorni della settimana, festivi inclusi, descritti in modo chiaro in una scheda che indica come operare, che verrà recapitata a tutti gli utenti unitamente alla prossima fatturazione dei consumi idrici:

Autolettura contatori. L’autolettura consente all’utente di ricevere la bolletta sempre in linea con i consumi effettivi. Occorre scaricare l’App K-READER per Ios o Android e appena installata, si scansiona il codice QR-Code che si trova in alto a destra nella nuova fattura, dopo va inserito il valore del consumo e si effettua una foto del contatore. L’utente riceverà una notifica dell’avvenuto invio e un’altra successiva non appena Amam avrà certificato il consumo. Inviare periodicamente i dati del consumo del proprio contatore idrico permette di ricevere fatture sempre in linea con i consumi effettivi.

Pagamento online. È possibile pagare le fatture direttamente dal sito di Amam e visualizzare in tempo reale il proprio estratto conto sempre aggiornato. Occorre accedere alla sezione del sito web di Amam http://portale.amam.it e registrarsi per accedere ai servizi ed effettuare i pagamenti delle proprie fatture di consumo idrico. Ciascun utente riceverà così in tempo reale i dati aggiornati del proprio estratto conto.

Fatture e bollettini sempre disponibili. Visualizza l’estratto conto della tua utenza, scarica una fattura smarrita o un bollettino che non hai ancora pagato. Accedi alla sezione del sito web di Amam http://portale.amam.it e registrati per accedere ai servizi. Avrai così accesso a tutte le tue fatture e potrai scaricare anche i bollettini che non hai ancora pagato.

Ticket e segnalazioni online. Gli utenti che avessero esigenza di assistenza commerciale o richiedere servizi aggiuntivi, potranno farlo direttamente online, accedendo alla sezione del sito web di Amam http://portale.amam.it e registrandosi per fruire dei servizi, attraverso la sezione dei ticket relativa al proprio contratto idrico.

Le volture

Accanto all’attivazione dei nuovi servizi all’utenza, particolare interesse ha riscosso la comunicazione sulle intestazioni dei contratti e, particolarmente, sull’aspetto dedicato alle volture. Per questo, nella stessa scheda informativa, tutti gli utenti potranno prendere visione anche di una specifica nota informativa sul regime dedicato alle volture, che dovranno essere compiute entro 120 giorni dalla ricezione della comunicazione e comunque non oltre il 30 giugno 2020.

Perché le volture? Il detentore dell’immobile in cui vi è un allaccio di fornitura idrica è tenuto a volturare il contratto se non intestato a nome suo. Non può in nessun modo utilizzare il servizio idrico a nome e per conto di un altro soggetto, come ad esempio il proprietario dell’immobile se in affitto o precedenti intestatari anche se parenti. La voltura delle utenze è un procedimento che prevede il passaggio contemporaneo del contratto di una fornitura idrica da un utente ad un altro. Richiedendo la voltura di un’utenza, quindi non si avrà alcuna interruzione della fornitura di acqua. Di fatto, quindi, la voltura può essere considerata a tutti gli effetti come un cambio di intestatario del contratto di una fornitura idrica. Un nuovo inquilino oppure il proprietario di un nuovo immobile che si trasferisce in una casa con le forniture idriche già attive, ma intestate ad un altro soggetto, dovrà effettuare la voltura per completare, il cambio di intestatario “senza dover interrompere” il servizio di fornitura idrica e senza riattivare un nuovo contratto.

Chi deve quindi effettuare la voltura?

1) I nuovi proprietari di immobili;
2) Gli inquilini in locazione o in comodato;
3) Gli eredi di defunti intestatari di contratto;
4) Le attività commerciali in affitto o di nuova costituzione;
5) I professionisti in locazione o anche proprietari di immobili con contratti di fornitura idrica ad uso domestico.

Amam sta già effettuando i controlli su tutte le utenze intestate a persone defunte e/o a società cessate o fallite. Queste utenze vanno subito volturate da parte dei nuovi detentori del servizio, appunto entro il 30 giugno prossimo. In caso contrario, così come previsto dal contratto e dal regolamento, queste forniture a tale data verranno cessate e i contratti risolti. In caso di decesso dell’intestatario del contratto, l’erede o il soggetto residente nell’unità immobiliare in cui è sita l’utenza può richiedere la voltura del contratto d’utenza a proprio favore e in questa ipotesi la richiesta di voltura è gratuita. Il gestore attribuisce il deposito cauzionale versato dal precedente intestatario al nuovo contratto d’utenza.

Documentazione necessaria per effettuare la voltura

1) Dati anagrafici dell’attuale intestatario;
2) Dati anagrafici della persona che si vuole intestare il contratto;
3) Documento d’identità valido del nuovo intestatario e codice fiscale;
4) Dati relativi all’utenza idrica;
5) Titolo che attesti la detenzione dell’immobile (proprietà, locazione, usufrutto, comodato, ecc…);
6) Lettura del contatore (anche tramite APP K-Reader);
7) Destinazione d’uso: se si tratta di un’azienda, infatti, si dovrà comunicare anche la Partita Iva e la visura camerale;
8) Modulo per la richiesta di voltura (scaricabile dal sito Amam o prelevabile allo sportello);
9) Dichiarazione di estraneità al vecchio intestatario qualora l’utenza presenti dei debiti con Amam.

Condividi




Change privacy settings