Trasporto marittimo, pronto nuovo bando da oltre 300 mln di euro

Oltre 300 milioni di euro diluiti in cinque anni per 43 linee dei principali porti siciliani e delle isole minori. Con una partecipata riunione nella sede dell’Assessorato regionale alle Infrastrutture è stato sancito l’avvio della revisione della rete dei servizi marittimi della Regione Siciliana. Al tavolo, convocato dagli assessori regionali Bernardette Grasso, coordinatrice dei servizi per le Isole minori, e Marco Falcone, delegato ai Trasporti, hanno partecipato tutti i sindaci dei comuni delle isole minori e, fra gli altri, l’ammiraglio Salvatore Gravante, segretario generale dell’AutoritĂ  di sistema portuale Sicilia occidentale; Roberto Isidori, comandante della Capitaneria di Porto di Palermo; Mario Paolo Mega, presidente dell’AutoritĂ  portuale dello Stretto, il dirigente generale Fulvio Bellomo e la dirigente Trasporto marittimo Dora Piazza.

“Il Governo Musumeci – ha spiegato l’assessore Falcone – ha presentato a tutti gli attori interessati la bozza di un piano quinquennale dal valore di oltre 300 milioni di euro che si articolerĂ  su 43 linee fra i principali porti di Sicilia e le isole minori. Il numero di miglia nautiche annualmente percorse supererĂ  il milione e 400mila, grazie a un investimento regionale di oltre 60 milioni per anno. Tra le novitĂ  anche una nuova linea, la CefalĂą-Lipari”. L’assessore Falcone ha stilato poi la tabella di marcia dei prossimi mesi: “Entro aprile intendiamo pubblicare il nuovo bando quinquennale per le concessioni del trasporto marittimo, un bando che recepirĂ  la nuova rete dei servizi e che si baserĂ  sul criterio dell’offerta piĂą vantaggiosa. Abbiamo, inoltre, posto come condizioni essenziali l’abbattimento dei costi a carico degli utenti e l’inserimento di criteri che favoriranno l’utilizzo di navi moderne ed efficienti”.

Nelle prossime settimane, come preannunciato da Grasso e Falcone, si terranno ulteriori incontri di consultazione e confronto con le comunitĂ  locali, gli attori istituzionali e gli stakeholders del trasporto marittimo siciliano.

Condividi




Change privacy settings