Ripartite le assegnazioni di parte corrente. Fondi anche per strade e scuole

redstage

Ripartite le assegnazioni di parte corrente. Fondi anche per strade e scuole

venerdì 14 Febbraio 2020 - 11:19
Ripartite le assegnazioni di parte corrente. Fondi anche per strade e scuole

Approvate le assegnazioni di parte corrente a beneficio dei comuni siciliani per l’anno 2019. Mercoledì scorso si è tenuta la Conferenza tra Regione e Autonomie locali, a seguito della quale è stato approvato il riparto definitivo delle suddette assegnazioni. Si tratta di un budget approvato di anno in anno dalla Regione, che prevede la ripartizione delle risorse finanziarie tra gli enti locali dell’Isola, affinché questi possano far fronte, tra le altre cose, alle spese per il personale. Tra i diversi criteri adottati per la suddivisione dei fondi, particolare importanza ha rivestito quello della raccolta differenziata. Infatti, ai comuni che hanno raggiunto il 65% della differenziazione dei rifiuti urbani è stata assegnata una premialità di 5 milioni di euro: “Nel definire l’assegnazione per ciascun ente – spiega l’assessore regionale alle Autonomie locali e alla Funzione pubblica Bernardette Grasso – si è tenuto conto della prevista premialità, pari a cinque milioni di euro, in favore dei comuni che abbiano superato la soglia del 65 per cento della raccolta differenziata dei rifiuti urbani. Si sono inoltre riequilibrati gli importi nei confronti di quei Comuni che hanno registrato uno scostamento notevole rispetto al dato dell’assegnazione media pro-capite”.
“Grazie all’approvazione del riparto – sottolinea l’assessore – potrà essere disposto in tempi brevi il pagamento della quarta trimestralità delle assegnazioni di parte corrente 2019, nonché dei premi per la raccolta differenziata. La Conferenza, in seguito, ha approvato anche la distribuzione di 20 milioni di euro in favore di liberi consorzi e città metropolitane della Sicilia. Si tratta delle somme previste per il 2020 dalla legge 145/18, fondi che destineremo interamente alla manutenzione straordinaria delle scuole e delle strade di competenza provinciale”.