Protesta contro il Cas: manifestazione-flop anche a Messina

Dopo la piazza deserta di Letojanni si è rivelata un altro flop la manifestazione indetta dagli utenti del gruppo facebook “Maxi protesta per le condizioni di A18 e A20”, che conta 5mila iscritti, per protestare contro l’immobilismo del Consorzio per le autostrade siciliane.

“In questo ultimo anno – aveva spiegato uno dei promotori Francesco Puglisi – abbiamo interagito con la politica, incontrando anche il presidente della Regione Musumeci. Ci sono state fatte delle promesse, alcune cose si sono viste, altre no. Adesso è il momento di scendere in piazza e far sentire la nostra voce”.

Ma la protesta organizzata questa mattina in piazza Unione europea, a Messina, ha fatto registrare pochissimi partecipanti, forse neanche cinquanta. Oggetto delle polemiche: la frana di Letojanni, la galleria Gardini, i cartelli autostradali fatiscenti (uno è ancora adagiato a Tremestieri) e le inefficienze del Cas con l’A18 Messina-Catania lontana dagli standard di sicurezza europei.

“Sono tutti leoni da tastiera – hanno lamentato alcuni dei partecipanti al sit-in – le autostrade cadono a pezzi, ma in pochi siamo accorsi per una manifestazione che intende accendere i riflettori sulla scarsa sicurezza di A18 e A20. Un peccato ed una tristezza vedere così poca gente”.

Condividi




Change privacy settings