Strage in fabbrica, il cordoglio di De Luca e Cardile

Anche il sindaco metropolitano Cateno De Luca e il presidente del Consiglio comunale di Messina Claudio Cardile si stringono al dolore delle comunità e delle famiglie coinvolte nella tragedia che si è verificata mercoledì scorso nel deposito della fabbrica di giochi pirotecnici Costa in contrada Femminamorta a Barcellona Pozzo di Gotto, in cui hanno trovato tragica morte Venera Mazzeo, Vito Mazzeo, Giovanni Testaverde, Fortunato Porcino e Moahmed Taeher Mannai, mentre manifestano grande preoccupazione per le sorti dei due feriti Antonio Costa e di Antonino Bagnato.

“In questo momento di grande dolore il nostro pensiero è rivolto anche alle famiglie delle persone che hanno trovato la morte durante un giorno di lavoro, rendendo ancora più drammatica questa tragica fatalità. – si legge in una nota a firma di De Luca e Cardile – L’espressione di cordoglio che rivolgiamo alle comunità di Barcellona Pozzo di Gotto e di Merì, ai rispettivi sindaci e alle istituzioni cittadine, ci impone una riflessione sull’assoluto valore della vita e sul mistero della morte, accompagnando i nostri fratelli nel loro passaggio alla vita che verrà con una preghiera e invocando il conforto della fede per i loro familiari e per tutta la comunità che si stringe a loro.

“L’entità della tragedia ci lascia increduli ma ci rammenta il dovere di agire sempre per la sicurezza dei luoghi di lavoro, adottando ogni misura per scongiurare anche quegli eventi che, pur rappresentando una tragica fatalità, si devono imprimere nella nostra coscienza come eventi che non dovranno più verificarsi, spingendoci a sorvegliare, vigilare e non sottovalutare mai i rischi ai quali i lavoratori possono andare incontro nello svolgimento delle loro attività”.

Condividi




Change privacy settings