Porto di Tremestieri: necessario un altro dragaggio

Il maltempo e lo scirocco hanno lasciato ancora una volta il segno a Tremestieri. Sono in corso i campionamenti dei sedimenti accumulatisi nel porto di Tremestieri a seguito delle due forti sciroccate della settimana scorsa.

Dopo aver atteso che le condizioni meteoclimatiche avverse si stabilizzassero, l’Autorità portuale ha dato mandato affinché vengano analizzate le sabbie che hanno ridotto l’operatività dell’approdo affinché si possa procedere con prontezza alle operazioni di ripristino della piena operatività di entrambi gli scivoli. Nelle prossime ore sarà riaperto lo scivolo n. 1.

Sarà necessario attendere i risultati sulle colture biologiche dei sedimenti, come previsto dall’autorizzazione al dragaggio per un totale annuo di 60mila metri cubi di sedimenti, emessa nei mesi scorsi dall’assessorato territorio e Ambiente della Regione siciliana, prima di avviare l’intervento di spostamento del materiale attualmente presente all’imboccatura del molo di sopraflutto, materiale stimato fra i 20mila e i 25mila metri cubi.

La draga della societĂ  “Zeta srl”, fra le piĂą grandi presenti nel Mediterraneo, è prevista arrivare a Messina domenica, in modo da poter essere operativa nel momento in cui i risultati delle analisi chimiche consentiranno l’avvio dell’intervento.

Condividi




Change privacy settings