Tagli alla Polizia Metropolitana, Fp Cgil: “Siamo preoccupati”

Manifestiamo forte preoccupazione per la nuova proposta di regolamento del corpo di Polizia Metropolitana presentata dal sindaco Cateno De Luca, che vede un forte depotenziamento del servizio per la proposta di riallocazione funzionale di oltre 40 lavoratori“. Così il segretario della Fp Cgil Messina Francesco Fucile, mostrandosi preoccupato per il futuro del corpo di Polizia Metropolitana di Messina, che potrebbe subire una riduzione di almeno 40 unitĂ  se dovesse essere approvata la nuova proposta di regolamento del corpo.

Con due diversi atti di indirizzo – prosegue il sindacalista – il sindaco ha dato precise direttive per una riorganizzazione del Corpo finalizzata alla correzione di presunti inquadramenti professionali errati. La Fp Cgil ritiene che le importanti funzioni assegnate dalla legislazione vigente alla Polizia Metropolitana, non possano subire una così radicale riduzione di personale. Fermo restando qualsivoglia intervento di modifica in termini di legittimitĂ  del vigente regolamento, la proposta ricevuta sembra invece destinata a ridurre drasticamente gli interventi sul territorio per polizia stradale, polizia ambientale, polizia venatoria, polizia amministrativa e così via.

Auspichiamo pertanto che nella fase di confronto sindacale, la cittĂ  metropolitana accolga le richieste di modifica che la Fp Cgil avanzerĂ  sulla suddetta proposta di regolamento, con il chiaro intento di giungere a una nuova organizzazione del corpo di Polizia Metropolitana che non veda però attenuarsi il ruolo e le funzioni degli attuali appartenenti al corpo e tentando di ricollocare sempre in ambito di area di vigilanza e con funzioni ausiliarie chiare e definite il personale di categoria B. Solo attraverso un intervento di questa portata, si potrĂ  evitare che il corpo di Polizia Metropolitana sia ridotto alla stregua di un servizio di Polizia di un piccolo Comune“.

Condividi




Change privacy settings