Coltello in mano al Pronto soccorso, panico a Taormina

E’ sceso dall’ambulanza che lo aveva accompagnato da Motta Camastra e ha minacciato operatori e medici con un grosso coltello. Momenti concitati al Pronto soccorso dell’ospedale “San Vincenzo” di Taormina, dove solo l’intervento della polizia è riuscito a riportare un po’ di ordine.

Gli agenti del Commissariato di Taormina hanno arrestato un uomo di 62 anni, Antonino Caracoci, già noto alle forze dell’ordine per precedenti specifici. Sottoposto a perquisizione, l’uomo è stato trovato in possesso di un coltello a serramanico con lama lunga 7,5 centimetri che teneva all’interno di un borsone.

Con l’arma, sequestrata dai poliziotti, il sessantaduenne avrebbe minacciato gli operatori del 118 che lo stavano trasferendo in ospedale  a bordo di ambulanza e danneggiato strumenti e suppellettili.

Su disposizione dell’Autorità giudiziaria, Caracoci è stato sottoposto ai domiciliari. I reati contestati sono resistenza, porto abusivo di arma e danneggiamento aggravato.

Condividi