Prende il via la nona edizione di Nte vineddi i Turturici, tra magia e arte

Domenica, a partire dalle ore 18.00, prenderĂ  il via la nona edizione di “Nte vaneddi i Turturici”, manifestazione ideata ed organizzata dall’associazione “Giovani Oricensi” in collaborazione con i commercianti locali, le associazioni riunite “Pro Tortorici” e patrocinata dal Comune di Tortorici. Arte di strada, circo contemporaneo, espressioni artistiche, folklore e musica, tradizioni popolari, artigianato e specialitĂ  gastronomiche, si intrecciano nelle principali piazze e nei vicoli del centro storico, dando luogo ad una spensierata ed accogliente festa di mezza estate capace di far sognare piccoli e grandi.

“Nte vaneddi i Turturici” è l’unico posto in cui vorrai essere.

Le varie attivitĂ  avranno inizio progressivamente a partire dalle ore 18.00 con l’intrattenimento a cura de “Il Trampolaio Matto”, mentre nelle successive ore gli spettacoli si concentreranno prevalentemente in piazza Umberto (“U chianu funnacu”), palcoscenico naturale dove la Compagnia “Circo Storto” proporrĂ  lo show “Full Metal Blaze” attraverso le piĂą incredibili e sofisticate tecniche di manipolazione del fuoco a ritmo dei grandi successi rock e hard rock della scena musicale anni ’80 – 90. In Piazza Mazzini andrĂ  in scena “Un po’ pĂą rì”, performance di giocoleria di e con Giorgio LaganĂ  in arte “Il Giorgioliere”. In Piazza Faranda si esibirĂ  la compagnia “Red One Duo” con lo spettacolo “Pillole di Rosso”, una fiaba muta, che unisce acrobatica aerea, acroportes, elementi di clownerie e teatro.

Al calar della sera, “Musica al pianoforte” nella suggestiva cornice della chiesa della Badìa (sec. XVIII) col pianista e compositore davvero singolare, Paolo Casolo, che da diversi anni scarrozza il suo piano con una bici di città in città, portando la musica nelle piazze d’Europa.

Nte vaneddi i Turturici è anche Vino filosofico, con il “Giro diVino”: un’esperienza sensoriale davvero “bell’Assai”, tra l’evoluzione delle Campane e l’Eruzione del gusto, tra una nota jazz ed una di vino, alla riscoperta della Fonderia delle campane Trusso. Ad allietare il viaggio mistico saranno gli standard jazz, interpretati da Giuseppe Sidoti al violino e Giovanni Ricciardi al Piano.

Ed ancora, performance itineranti di magia con Elio Cassise; “cunti” e suoni della tradizione siciliana interpretati da Pinello Drago, costruttore di strumenti agro-pastorali; balli e folklore con la compagnia “I du Nini e menzu” e la giovanissima circense Martina Armeli alla fisarmonica.

Chiese e musei aperti tutta la giornata e, dopo la santa messa celebrata alle ore 19:00 da padre Simone Campana in onore di San Sebastiano Martire, il simulacro del Santo Patrono rimarrà esposto all’altare della chiesa di SS. Maria Assunta dalle ore 18.30 alle 22.30.

Una comunitĂ  letteralmente in festa in una serata in cui le botteghe saranno liete di accogliere i visitatori per proporre le specialitĂ  dolciarie e culinarie della tradizione siciliana e dei Nebrodi.

SarĂ  un’edizione un po’ diversa rispetto a quelle precedenti, con un percorso inedito, ciò nondimeno auspichiamo – commenta Yuri Paterniti Martello, coordinatore della manifestazione – che possa rappresentare per tutti un momento di riflessione su ciò che è stato il nostro borgo storico, su ciò che è oggi e su quel che sarĂ . Un evento che sin dal pomeriggio saprĂ  offrire tante emozioni e che si concluderĂ  nella centrale piazza Faranda con l’esibizione della band “Mat Pascal & The Walking Blues”. Nun tu fari cuntari!

Ingresso libero per un evento adatto al pubblico di ogni etĂ . Non ci sono palchi nĂ© ordine di posti, ma una parola d’ordine: allegria!

 

Condividi