Interruzione ferrovia Messina-Palermo, Siracusano interroga il ministro Toninelli

Si sposta su un piano nazionale la discussione relativa alla chiusura sino all’8 settembre della linea ferroviaria Messina-Palermo, e in particolare del tratto tra Patti e Gioiosa Marea, per consentire la realizzazione dei lavori di risanamento strutturale della galleria ferroviaria Montagnareale (nel frattempo in tale tratto il servizio ferroviario sarà sostituito con il servizio bus). Infatti, nonostante l’assessore regionale alle Infrastrutture Marco Falcone avesse già spiegato che i lavori in esame non fossero rinviabili, l’esponente di Forza Italia alla Camera dei Deputati Matilde Siracusano, assieme ai suoi compagni di partito Germanà, Prestigiacomo, Bartolozzi, Scoma, Minardo e Russo, ha depositato un’interrogazione a risposta scritta nei confronti del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, al fine di sapere se questo fosse a conoscenza dei disagi arrecati al territorio, specie sotto un profilo turistico, per via dei suddetti lavori straordinari e se eventualmente abbia intenzione di procrastinare gli stessi nel periodo autunnale, durante il quale si registra un minor flusso di turisti.

“Preciso che i lavori citati interessano 98 km di tratta ferroviaria e sono funzionali per la manutenzione di binari e incroci, di stazioni e gallerie, anche se si sta causando un blocco dei treni per l’intero periodo estivo. Risulta evidente come i lavori di ammodernamento compromettano il lato economico, commerciale e turistico del territorio di Patti, Tindari, Isole Eolie, Villa Romana ed altre attrazioni turistico-ricettive come Gioiosa Marea, Brolo, Capo D’Orlando, Sant’Agata di Militello”, dichiara Siracusano.

“A tal proposito – conclude la parlamentare – ho chiesto al ministro Toninelli se sia a conoscenza di questo disagio, se abbia magari fatto una valutazione di merito e se non ritenga opportuno posticipare i lavori di manutenzione straordinaria tra le stazioni di Gioiosa Marea e Patti, sulla linea Messina-Palermo, nel periodo autunnale o invernale, al fine di non compromettere l’attività a vocazione prettamente turistica del territorio interessato dalla chiusura della circolazione ferroviaria”.

Condividi




Change privacy settings